La resa dei conti è arrivata ed il neo eletto presidente degli Stati Uniti d'America si appresta a presentarsi al mondo intero. Dopo aver già firmato i primi provvedimenti, tra cui la costruzione del muro che dividerà gli America e Messico, Donald Trump prosegue le sue visite istituzionali ed impegni da presidente. Durante la sfilata tenutasi il 20 gennaio, unitamente alla sua consorte Melania e l'immancabile figlio Barron, un particolare non è passato inosservato ai giornalisti presenti: una guardia del corpo di Trump ha le braccia finte.

La guardia del corpo di Trump con braccia finte

Dopo aver analizzato le immagini della sfilata e visualizzato il video, addetti ai lavori e curiosi hanno suscitato l'interesse generale, e la rete si è letteralmente scatenata nel conoscere la verità in merito alla vicenda. Il video, visualizzabile alla fine della news, pubblicato in rete ha scatenato la curiosità di migliaia di utenti ed in tanti hanno concordato con l'unica soluzione plausibile: la guardia del corpo ha le braccia finte poiché con molta probabilità, nasconde sotto il giaccone un mitra.

Da poco presidente degli Stati Uniti e Trump ha già tanti nemici

Il suo modo di fare e le sue idee hanno trovato i consensi per essere eletto, ma hanno creato anche tanto scalpore e numerosi nemici. Forse è per questo che il neo eletto presidente ha deciso di intensificare la protezione della sua persona, di Melania e del figlio Barron. Le idee di Trump, sia quelle propagandate in merito alla lotta al terrorismo islamico che per la sua presa di posizione nei confronti del Messico e degli immigrati irregolari, hanno scatenato tanta indignazione ed evidentemente mettono a rischio l'incolumità di Trump.

In rete, oltre a dare per scontato la supposizione del mitra nascosto sotto il giaccone della guardia del corpo del presidente degli Stati Uniti, è nato anche un vero e proprio "toto-arma", al fine di individuare il tipo di arma nascosto dal gorilla. Ma nonostante la curiosità degli utenti, non sono trapelate notizie o conferme in merito alla vicenda.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto