La protesta di Bologna continua ad essere al centro delle attenzioni della cronaca nazionale. Dopo le manifestazioni e gli scontri di ieri, 9 febbraio, continuano le manifestazioni di coloro che si oppongono all'installazione di tornelli alla biblioteca di Lettere. Oggi il corteo è entrato a contatto con le forze dell'ordine nei pressi di via Zamboni.

I testimoni presenti sul posto hanno raccontato che, mentre il gruppo di protestanti avanzava, c'è stato un lancio di oggetti, in seguito al quale il cordone della Polizia in assetto antisommossa ha caricato.

Fino a quel momento la manifestazione era proseguita senza generare particolari problemi, con il corteo che aveva sfilato per le vie del centro storico, dopo essere partito da Piazza Verdi.

Dopo la carica, mentre un gruppo di ragazzi si è seduto sulla strada cantando delle canzoni, la maggioranza dei manifestanti si è allontanata e si è dispersa nei vicoli circostanti, a passo veloce. Intanto, stando alle ultime notizie, finora tre ragazzi sarebbero stati trattenuti dalle forze dell'ordine.

Il motivo della protesta

Le manifestazioni sono state organizzate per protestare contro l'introduzione dei tornelli. Già mercoledì scorso, alcuni attivisti avevano smontato fisicamente il dispositivo di sicurezza e, nel primo pomeriggio di giovedì, avevano riaperto le porte dell'edificio, occupando gli spazi universitari. Subito dopo hanno garantito l'accesso ad altri giovani, annunciando che sarebbero rimasti "in loco" fino a quando non avrebbero avuto la possibilità di parlare con qualche dirigente universitario.

La DIGOS sta conducendo delle indagini per conto della Procura, che intende procedere per danneggiamento aggravato e invasione di edifici, ipotesi di reato che verranno inseriti nel fascicolo aperto sulle manifestazioni di questi giorni a Bologna, a cura del procuratore aggiunto Valter Giovannini.

A Bologna tensione palpabile

Coloro che in questi giorni hanno vissuto l'atmosfera di Bologna, hanno raccontato di una tensione palpabile che, in alcuni casi, è apparsa eccessiva rispetto alle ragioni della protesta che ha soprattutto congestionato e bloccato il centro cittadino.

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti, vi invitiamo a continuare a seguire le news dell'autore del presente articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto