Il web non risparmia nessuno: questa volta l'ira dei "leoni da tastiera" di internet si è abbattuta sulla campionessa di scherma Beatrice Vio, detta Bebe. La schermidora, oro alle scorse Paraolimpiadi di Rio de Janeiro, ha subito minacce di natura sessuale su Facebook. E' stata aperta una pagina sul noto social che incitava ad abusare della giovane atleta, immediatamente chiusa dopo una segnalazione. Ma vediamo nei dettagli cosa è successo.

Bebe Vio e la violenza su Facebook

Il Codacons ha segnalato immediatamente la scorrettezza all'Autorità Giudiziaria. Sulla nota si legge che la pagina incriminata inneggiava a pratiche violente e sessuali nei confronti di una ragazza disabile, in maniera particolare schernendo il suo handicap, pratiche che non rispettano affatto gli standard qualitativi di Facebook.

Il Codacons ha inoltre specificato che il crimine si è protratto nonostante le ripetute segnalazioni inviate dagli utenti del social agli amministratori del sito. Il Codacons ha domandato alle Procure della Repubblica di Roma e Venezia, alla polizia postale e all'Autorità per le comunicazioni di verificare con ogni mezzo a loro disposizione che i fatti esposti siano effettivamente un illecito, inoltre di individuare i responsabili e di adottare i dovuti provvedimenti penali o amministrativi.

Bebe Vio, stella sui social

La pagina ufficiale "Beatrice Vio" su Facebook è molto seguita e conta oltre 340mila followers. I post della giovane atleta vengono invasi ogni giorni da commenti di sostegno e di stima nei suoi confronti.

Beatrice è diventata un'autentica star, non soltanto per esser diventata una campionessa nel suo sport, ma anche per il suo modo spontaneo e genuino di non prendersi mai troppo sul serio e di scherzare sul suo handicap. Molti si ricordano di lei soprattutto per il selfie con l'ex Presidente degli Stati Uniti d'America Barack Obama.

In passato si è anche resa protagonista di alcuni appelli per invitare le mamme a vaccinare i propri figli contro la meningite.

Segui la pagina Tecnologia
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!