Londra sotto attacco terroristico, il parlamento di Westminster situato nelle vicinanze di Buckingham Palace è stato oggetto oggi pomeriggio di uno scellerato assalto di un uomo che, alla guida di un suv si è lanciato sulla folla.

Le prime dichiarazioni di Scotland Yard hanno chiaramente definito il fatto un attacco terroristico rivolto contro il Parlamento dove era in atto una seduta con la premier Theresa May che è stata prontamente evacuata e messa in sicurezza.

Pubblicità
Pubblicità

L'uomo alla guida dell'autoveicolo, dopo avere falciato numerose persone, ha attraversato il Westminster bridge, si è fermato e dopo essere sceso dall'auto ha accoltellato un agente di polizia.

Dirigendosi verso il Palazzo l'attentatore ha cercato di irrompere nel palazzo del Parlamento attraverso i cancelli del compound di Westminster. Le forze di polizia britanniche sono prontamente intervenute fermando ed uccidendo l'uomo.

Pubblicità

Le descrizioni dei testimoni dipingono l'attentatore come un uomo di circa quarantanni dai tratti asiatici, chi ha assistito ai fatti ha dichiarato che dopo aver accoltellato un agente in divisa, si sono avvicinati due persone in borghese che gli hanno intimato l'alt mentre l'assalitore proseguiva la sua corsa. Non ottenendo risposta hanno estratto delle pistole e gli hanno sparato alcuni colpi di pistola.

Le prime notizie diffuse sul bilancio delle vittime parlano di due persone morte e numerosi feriti gravi che ora sono stati portati negli ospedali della capitale.

Le prime reazioni

La premier britannica ha immediatamente fatto sospendere la seduta in corso di svolgimento, è stata fatta evacuare e portata in sicurezza, dopodichè ha riunito il comitato d'emergenza Cobra per prendere le necessarie misure di sicurezza.

Numerose ed immediate le reazioni a livello internazionale, anche dall'Italia il premier Paolo Gentiloni è in contatto diretto con la Farnesina e l'ambasciata italiana a Londra per tenersi aggiornato sugli sviluppi dell'attacco a Westminster.

Le autorità italiane stanno collaborando con quelle inglesi e insieme stanno cercando di trovare eventuali collegamenti che possano far pensare ad eventuali ripercussioni sul nostro paese, anche se per ora il ministro Alfano ha tranquillizzato dicendo che il livello di sicurezza è mantenuto alto sebbene non vi sia motivo di preoccupazione.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto