Kastamonu, Turchia - è accaduto lo scorso mercoledì, era circa l'una di notte quando, dagli altoparlanti che vengono solitamente usati per richiamare i fedeli alla preghiera, al posto dei tradizionali canti musulmani cominciano ad essere trasmessi degli effetti sonori provenienti da film porno. Un testimone, visibilmente divertito, ha registrato il tutto e postato il filmato sui social media, ipotizzando che qualche lavoratore pubblico ha dimenticato gli altoparlanti accesi durante la visione di un film pornografico, trasmettendo gli effetti sonori per tutta la città.

Il video è stato registrato a Kuzeykent, un quartiere della città dove è presente anche l'università e lo stazionamento principale degli autobus, è diventato subito virale.

Il Sindaco

La polizia sta investigando, ma attualmente non sono ancora registrati elementi rilevanti che facciano luce sull'accaduto, il sindaco della cittadina, Tahsin Babas, sospetta che ci sia la possibilità di qualche sabotatore, un Hacker che ha manomesso gli altoparlanti con lo scopo di trasmettere l'audio scandalo di proposito, "Intraprenderemo un'azione legale contro il responsabile (o i responsabili) di quest'atto immorale, intanto, ci scusiamo con i nostri cittadini che si sono sentiti offesi da questo spiacevole incidente", promettendo di chiarire al più presto cosa sia successo con un post su facebook nel quale sottolinea anche il fatto che, le istituzioni, non hanno alcuna correlazione con gli incresciosi fatti. "Crediamo che abbiano intercettato la nostra frequenza, perché l'incidente è avvenuto soltanto a Kastamonu, invece sarebbe accaduto in tutta la regione se la trasmissione fosse partita dalla municipalità centrale, chiunque può trasmettere quel che vuole se riesce ad intercettare le frequenze locali".

Gli effetti sonori

Questa "provocazione immorale" (come è stata definita dal Primo Cittadino del paesino Turco), è durata circa 51 secondi ed è stata trasmessa intorno all'1 di notte, svegliando così di soprassalto i cittadini.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto