Da alcuni giorni si susseguono le accuse da parte dell'agenzia europea sull'immigrazione "Frontex" nei riguardi delle ONG. Secondo tali accuse, alcune organizzazioni non governative starebbero aiutando gli scafisti facendo in modo che le navi delle stesse organizzazioni umanitarie vengano utilizzate come una sorta di "taxi" da parte degli stessi scafisti.

'Ostacolano le indagini sugli scafisti'

Oltre alle accuse di Frontex ora le ONG devono fronteggiare anche quelle del procuratore di Catania Carmelo Zuccaro. In un'intervento presso la Commissione Schengen a palazzo San Macuto, Zuccaro ha sostenuto che la presenza delle ONG compromette le indagini sugli scafisti e la lotta all'illegalità.

Inoltre, lo stesso Zuccaro ha dichiarato di voler aprire un'inchiesta sulle ONG basata sull'accusa di favoreggiamenti all'immigrazione illegale e clandestina.

'Non buttiamo il bambino con l'acqua sporca'

In merito alla vicenda è intervenuto anche il vicecapo della Polizia di Stato italiana, Matteo Piantedosi. Piantedosi ha sostenuto con forza che, indubbiamente, il procuratore di Catania ha ragione ma che bisogna anche segnalare che le problematiche che riguardano il Mediterraneo e l'attuale emergenza immigrazione sono molto più complesse di quanto possa sembrare. Soprattutto per chi vive quotidianamente questa situazione.

Inoltre, lo stesso Piantedosi ha sostenuto che non bisogna demonizzare le organizzazioni umanitarie non governative e il lavoro che svolgono nell'ambito dell'attuale emergenza immigrazione.

Più specificatamente, il vicecapo della Polizia di Stato ha sostenuto che non bisogna buttare il bambino con l'acqua sporca e che bisogna riconoscere che le ONG svolgono un lavoro importante da un punto di vista sociale e che ne bisogna cogliere gli aspetti positivi.

Indubbiamente c'è da dire che il dibattito sul ruolo delle ONG nell'ambito dell'attuale emergenza immigrazione è e sarà uno dei temi più discussi e controversi nell'attuale diatriba sull'immigrazione che interessa i paesi facenti parte dell'Unione Europea.

Segui la pagina Politica
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!