Un nuovo caso di malasanità sembra essere avvenuto in Calabria ed esattamente nella provincia di Crotone. Si tratta di una notizia non nuova per la regione e che non migliora la reputazione delle nostre strutture sanitarie. All'ospedale Marelli è morto un uomo dopo un ricovero per un intervento di ernia del disco. Le cause della morte sono ancora in corso di accertamento. Vediamo tutti i dettagli che sono emersi sull'accaduto.

Uomo muore dopo intervento all'ernia

Al Marelli Hospital è stata registrata una morte sospetta.

Un uomo di cinquant'anni, di Lamezia Terme, era ricoverato presso la struttura ospedaliera per un intervento all'ernia del disco. Nella giornata di ieri 13 marzo 2017 l'uomo ha perso la vita. Le cause del decesso sono ancora in corso di accertamento. Sul suo corpo è stato disposto l'esame autoptico e sarà proprio l'autopsia a chiarire le cause della morte. I familiari della vittima hanno immediatamente fatto denuncia dell'accaduto. Sul posto sono giunti i carabinieri della compagnia di Crotone che hanno sequestrato la cartella clinica dell'uomo.

Inoltre le forze del'ordine hanno avviato le indagini per capire cosa sia accaduto. A coordinare il tutto è il sostituto procuratore Alfredo Manca. Ulteriori dettagli su quanto accaduto emergeranno nelle prossime ore.

Abusi su minori e pedopornografia: arrestato calabrese a Napoli

Intanto un uomo di 32 anni di origini calabrese è stato arrestato a Napoli per aver detenuto, divulgato sul web e condiviso con altri una grande quantità di materiale pedopornografico.

L'operazione è nata dal monitoraggio della polizia postale per evitare che i minori vengano utilizzati per creare immagini e video pedopornografici. Al 32enne è stato sequestrato anche lo smartphone che era dotato di alcune applicazioni che gli permettevano di nascondere all'interno di alcune cartelle il materiale compromettente. La ricerca è durata circa due anni ed è stata svolta anche in collaborazione con Twitter che ha consentito di analizzare i dati relativi a numerosi collegamenti che erano interessati dall'indagine.

Segui la nostra pagina Facebook!