Più di duecento multe per divieto di sosta e due contravvenzioni a Livorno nei confronti di guidatori trovati positivi all’alcol test in sole 24 ore. La prima domenica d’estate è costata cara ai tanti livornesi che hanno deciso di inaugurare i famosi scogli di Calafuria e del Romito. Nella giornata di domenica 28 maggio 2017 la polizia municipale ha notificato 123 sanzioni, di cui 88 da piazza Mazzini fino ad Antignano per auto parcheggiate sui marciapiedi, sullo spazio riservato agli autobus e sulle strisce pedonali. Proseguendo verso il mare, nella zona del Romito, 35 auto sono state multate per divieto di sosta e per aver parcheggiato nel senso contrario a quello di marcia.

Le dichiarazioni della Polizia Municipale

Il comando della Polizia Municipale ha giustificato una tale quantità di contravvenzioni per motivi di servizio legati alla sicurezza stradale e dei pedoni. Sabato in centro città sono stati multati 86 veicoli per divieto di sosta in area pedonale o in un’area riservata agli invalidi e ad un posto di blocco in piazza della Repubblica la notte sono stati controllati 26 veicoli, di cui quattro guidati da minorenni e due risultati positivi all’alcol test. Nel giro di 24 ore sono state 215 le multe elevate dalla Polizia Municipale di Livorno e questo farà discutere i detrattori dell’attuale giunta comunale, che ritengono che faccia multe solamente per far cassa.

A Livorno multe per fare cassa? 12 milioni di euro riscossi nel 2016

Come si può leggere sull’edizione livornese del quotidiano Il Tirreno, oltre alle 215 contravvenzioni elevate in 24 ore durante l’ultimo fine settimana, qualche giorno fa un articolo ha sottolineato il fatto che secondo qualcuno la quantità di multe sia veramente eccessiva.

L’opposizione, guidata da Marco Martelli, sostiene che l’amministrazione comunale usi le forze dell’ordine solamente per fare le multe e i cittadini di alcune zone mal frequentate non si sentono tutelati a sufficienza dalla pubblica amministrazione. Solamente nel 2016 sono stati riscossi 12 milioni di euro di contravvenzioni, giustificati dall’assessora Francesca Martini con il fatto che i livornesi sono poco rispettosi delle regole della strada.

Facendo i dovuti calcoli, viene fuori che ogni cittadino ha pagato in media 75 euro di multe in un anno, che sono parecchi: qualcuno ritiene che la giunta comunale fissi degli obiettivi ben precisi per raggiungere una certa cifra di bilancio e cerchi di ottenerli attraverso le contravvenzioni.