Dopo le accese polemiche protrattesi da anni in merito alla durata dei colori del semaforo (in particolare del giallo), arriverà finalmente il nuovo dispositivo previsto dal nuovo decreto del Ministero delle Infrastrutture. Entro la fine di quest’anno saranno introdotte le nuove lanterne semaforiche dotate anche di conto alla rovescia, ovvero del conteggio dei secondi che precedono l’accensione della luce rossa.

Gli utenti saranno in grado di sapere con precisione quanto tempo hanno a disposizione per attraversare un incrocio in sicurezza. Vediamo di seguito i dettagli.

Il nuovo decreto del Ministero delle Infrastrutture

Il nuovo decreto in fase di pubblicazione stabilirà i dettagli relativi al funzionamento ed alle specifiche tecniche del nuovo dispositivo, dando così attuazione alle novità legislative già introdotte con la precedente riforma del 2010.

In effetti il nuovo decreto ha dato attuazione alla L. 120/2010 che aveva già previsto (all’art. 60) l’introduzione di dispositivi semaforici muniti di conto alla rovescia per la durata del transito consentito (verde e giallo). In realtà non si tratta di “nuovi” dispositivi in quanto questi apparecchi risultano già installati da tempo ed operativi in alcune città italiane (Roma, Bergamo, Bologna..) al fine di verificarne l’attendibilità, gli effetti sugli utenti della strada, ed eventuali anomalie, insomma una sorta di sperimentazione preventiva.

Tale decreto, una volta pubblicato andrà a regime (con l’installazione dei nuovi dispositivi) dopo sei mesi, come previsto dalla Legge n. 120/10. Pertanto il futuro countdown non diventerà obbligatorio su tutti i semafori. Ciascun gestore delle strade sceglierà se “aggiornare” gli impianti di propria competenza, ovviamente a proprie spese.

Conto alla rovescia per l’arresto al semaforo

Il timer predisposto al fianco delle lanterne semaforiche (oppure sull'oblò del colora giallo) sarà di grande ausilio per gli automobilisti che potranno quindi facilmente “calcolare” le reali possibilità di superare la linea di arresto dell’intersezione prima che scatti il colore rosso, nel pieno rispetto delle regole e della sicurezza.

Difatti i dispositivi di controllo oltre a verificare il passaggio entro il limite temporale massimo (i secondi previsti dal conto alla rovescia), verificano anche il semplice superamento della linea di arresto nonostante non si arrivi al centro dell’incrocio.

Insomma i furbetti del giallo hanno i secondi contati: per evitare di incappare in multe salate (e decurtazione dei punti dalla patente) sarà necessario osservare con attenzione il timer ma soprattutto la regola fondamentale che resta sempre la stessa: la prudenza.

Per restare aggiornati sulle novità di diritto, lavoro ed economia premi il tasto Segui accanto al nome dell’autore dell’articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto