Torna l'incubo del terrorismo in Russia dopo l'esplosione di un ordigno in un supermercato Crossroads di san pietroburgo. L'episodio si è verificato intorno alle 19 (ora locale) e secondo quando riportato da alcuni media ci sarebbero almeno dieci feriti. Circa 50 persone sono state immediatamente evacuate dal palazzo in cui si trova l'attività commerciale. Momenti di panico si sono vissuti nell'area interessata dal fragoroso botto.

'Mi sono avvicinato alla biglietteria ma poi mi sono ricordato di aver dimenticato qualcosa e sono tornato indietro. In quell'istante è avvenuta l'esplosione e si è scatenato il panico con bambini che piangevano e urla di dolore'. Numerose le testimonianze da parte di persone che hanno affermato di aver visto macchie di sangue sull'asfalto. Un uomo ha riferito di aver ricevuto una telefonata dalla madre.

'Era terrorizzata, ha detto che era in strada. Mi ha raccontato che c'è stata un'esplosione molto forte e che lei era stordita. Inoltre mi ha detto che lo scoppio ha buttato giù la porta ed ha causato un foro attraverso il quale è fuggita insieme alla cassiera'.

Momenti di panico: le testimonianze

Da sottolineare che il governatore di San Pietroburgo Georgy Poltavchenko è stato immediatamente informato dell'esplosione nel negozio in Kondratyevsky Avenue.

Svetlana Petrenko, portavoce della SSR russa, ha dichiarato che nessuna ipotesi viene scartata per quanto concerne le cause dell'esplosione al Supermercato. Successivamente è stato precisato che gli artificieri hanno ritrovato un ordigno rudimentale. Un particolare che ha alimentato le voci relative ad un possibile atto di matrice terroristica. In seguito un portavoce del governatore di San Pietroburgo, Andrei Kibitov, ha sottolineato che una delle persone coinvolte nell'esplosione è in gravi condizioni. Quest'ultimo è stato ricoverato all'ospedale Alexander insieme ad altre tre feriti.

Esplosione causata da un ordigno rudimentale

Altre quattro persone sono state trasportate all'ospedale Mariinsky e due ad un altro nosocomio dell'incantevole metropoli russa. Da rilevare che c'è anche chi ha rifiutato di andare in ospedale mentre un ubriaco è stato arrestato perché rifiutava di allontanarsi dalla 'zona rossa'. Nel frattempo i servizi di sicurezza hanno intensificato i controlli ed avviato ulteriori accertamenti per comprendere gli autori del gesto e se dietro l'agguato ci sia la mano dell'Isis.

Da rilevare che al momento l'attentato non è stato rivendicato.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto