Trovare del tempo per se stessi non è sempre così facile, considerando il fatto di dover gestire, nell’arco delle 24 ore, il lavoro, la famiglia, un proprio hobby. Figuriamoci di poter aiutare anche il prossimo. Ebbene si, è una storia eclatante ma non parliamo di un super eroe cinematografico, semplicemente di un uomo comune che dedica la sua vita privata per aiutare anche le persone bisognose. Come? Organizzando motoraduni di Beneficenza. Doc Paolo – il medico ginecologo che si preoccupa di donne malate di cancro.

Paolo Scatamburlo

Il Dott. Scatamburlo, classe 1965, nato a Mirano in provincia di Venezia, è un medico specializzato in ostetricia e ginecologia sempre disponibile nell’organizzazione di attività benefiche, capace di dimostrare una sensibilità umana fuori da ogni pronostico. Un vero punto di riferimento per le sue pazienti di Venezia-Mestre e dintorni. Appassionato di motociclette, insieme ai suoi amici bikers, organizzano motoraduni con il solo scopo di beneficenza con raccolta fondi; ogni anno portano i regali ai bambini meno fortunati, vestendosi da Babbo Natale in sella alle proprie Harley-Davidson.

Una nobile iniziativa

Quest’anno Doc Paolo ha pensato bene di raccogliere fondi per l’acquisto di caschi refrigeranti, evitando così la caduta dei capelli durante la chemioterapia. Un motoraduno di beneficenza organizzato dai tanti amici appassionati, che come lui, amano divertirsi aiutando il prossimo. Da dove nasce questa iniziativa? Scantamburlo, essendo ogni giorno a contato con donne afflitte da questo dilemma, ha pensato bene di investire la sua passione per le due ruote, organizzando una giornata dedicata alla raccolta fondi per persone meno fortunate.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute Moto

Aiutarle così ad avere delle cure meno “sofferenti”. Acquistare dei caschi speciali - Paxman Scalp Cooling -, limiterebbe in questo modo la caduta dei capelli durante il trattamento antitumorale che attacca il bulbo del cuoio capelluto. Contenere in questo modo uno degli effetti basilari provocati, per l’appunto, dal farmaco.

Niente di invasivo, basterà indossare una cuffia, in dotazione al casco, che porterà il cuoio capelluto ad una temperatura minore, riducendo la sensibilità del flusso sanguigno che colpiscono i follicoli proliferi, preservandoli così dalla “distruzione”.

Venice Benefit Run

Domenica 4 marzo 2018 si è svolto il tanto atteso motogiro per la raccolta di fondi organizzato dai biker veneziani, già conosciuti per i loro raduni pre-natalizi da ben dieci anni a questa parte.

Ottimo lavoro ragazzi e complimenti per le vostre iniziative!!!

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto