Secondo il centro di calcolo sismologico della zona euromediterranea EMSC, d'accordo con i dati forniti dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, un Terremoto di magnitudo 3.3 della scala Richter avrebbe colpito l'Appennino Meridionale. Più precisamente, l'epicentro del sisma sarebbe stato individuato nella zona centrosettentrionale della Calabria, 17 chilometri a sudest di Cosenza, città capoluogo che ospita circa 70 mila abitanti.

I comuni più vicini all'epicentro del sisma, secondo i dati dell'INGV, sarebbero: Parenti, Rogliano e Mangone a 4 chilometri, Santo Stefano di Rogliano e Cellara a 5 chilometri, Figline, Vegliaturo e Marzi a 6 chilometri, Apigliano e Piane Crati a 7 chilometri, Carpanzano, Colosimi e Belsito a 8 chilometri, Scigliano e Pietrafitta a 9 chilometri, Bianchi e Piedivigliano e 10 chilometri. Inoltre, la scossa avrebbe avuto il suo ipocentro intorno ai 26 chilometri di profondità, secondo EMSC, mentre l'INGV attesta la profondità dell'evento a 27 chilometri dalla superficie. L'evento è stato avvertito dalla popolazione locale, ma non ha provocato danni a cose o a persone.

Gli eventi di Piane Crati e Cellara dell'Ottocento.

Nell'Ottocento la provincia di Cosenza è stata ripetutamente colpita da eventi sismici molto violenti. In particolare vi è un riferimento a due terremoti con epicentro nella stessa zona interessata dalla lieve scossa odierna.

Il 12 Febbraio 1854 un forte terremoto di magnitudo 6.2 della scala Richter colpì Piane Crati e creò notevoli danni in 28 comuni, Cosenza compresa.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Terremoto

Vi furono 500 vittime su una popolazione totale che contava dai mille ai 4 mila abitanti nel cratere sismico, a parte Cosenza, che da sola ne contava circa 14 mila.

Il 4 Ottobre 1870 un evento sismico analogo, di magnitudo 6.1 della scala Richter, colpì le medesime zone, questa volta con epicentro a Cellara. La scossa provocò danni gravi in tutti i comuni già colpiti 16 anni prima e causò 117 morti, 119 feriti e centinaia di sfollati.

Più attive e pericolose le faglie della Calabria meridionale.

Per quanto la Calabria sia risaputamente la regione più sismica d'Italia, con la detenzione del record assoluto per quanto riguarda i maggiori terremoti avvenuti sulla nostra penisola, vi è una distinzione fondamentale fra le faglie a nord, più brevi e frastagliate, e quelle a sud della regione, in genere più lunghe e continuative, capaci di generare terremoti non solo più violenti, ma anche più distruttivi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto