Si aggrava il bilancio delle vittime del disastro aereo avvenuto questa mattina in algeria, durante la fase di decollo nei pressi della base di Boufarik, nella provincia di Bilda, distante circa 30 km da Algeri. L’incidente è avvenuto intorno alle ore 8 locali (le 9 in Italia). L’agenzia algerina Aps, citando una fonte militare, scrive che l’aereo era diretto a Bechar, nel sud-ovest. Il velivolo si sarebbe schiantato da un altezza di circa 300 metri durante il decollo. Secondo alcune testimonianze “un fumo nero fuoriusciva dal velivolo ormai in fiamme, ed era visibile dall'autostrada che va da Algeri e Blida”.

L'aeroporto di Boufarik è il più importante dell'aviazione algerina. Quattro anni fa si era già verificata un'altra tragedia: un aereo cargo con a bordo militari e familiari si schiantò, con un bilancio di 77 vittime.

Il bilancio delle vittime

Secondo la televisione di Stato algerina sono almeno 257 le vittime dell’incidente aereo avvenuto, tra cui dieci membri dell'equipaggio. A bordo ci sarebbero stati oltre 400 passeggeri, la maggior parte dei quali militari. Si stima che almeno ventisei delle vittime appartenevano al 'Fronte Polisario', un movimento politico sostenuto dall’Algeria nel conflitto che la vede impegnata contro il Marocco, attivo nel sostenere l’indipendenza del Sahara Occidentale proprio dallo Stato marocchino.

Le cause della sciagura

Ancora da accertare le cause che hanno comportato l'incidente. Si sarebbe trattato, con ogni probabilità, di un guasto tecnico. L'emittente televisiva Al Jazeera ha intervistato un esperto di aviazione, il quale ha riferito che l’incendio sarebbe divampato in due motori, con gli altri che non sarebbero riusciti a mantenere l’aereo in volo. Questo nonostante il velivolo fosse stato realizzato dalla Ilyushin, una delle più rinomate sul piano tecnico.

Proseguono i soccorsi

Al Jazeera ha mostrato le immagini dei soccorsi sul luogo dell'accaduto. Sta proseguendo il trasporto delle salme all’ospedale centrale, in modo da poter identificare le vittime della sciagura aerea. Per le operazioni di soccorso sono state impiegate 14 ambulanze, 10 camion e 130 uomini della protezione civile locale. Ancora da appurare le cause dello schianto: Ahmed Saleh, viceministro della Difesa algerino, ha ordinato la formazione di una commissione d’inchiesta per determinare le cause dello schianto.

Segui la nostra pagina Facebook!