Un uomo di 37 anni è andato in escandescenze quando ha visto la moglie in auto con un altro uomo. Dopo aver picchiato entrambi, il trentenne ha costretto la donna a seguirlo nella loro abitazione dove l'ha obbligata a consumare un rapporto 'intimo' con lui. La donna ha opposto resistenza ed è stata stuprata [VIDEO]. Il fatto è accaduto nella Valdichiana aretina. La vittima della violenza si è rivolta ai carabinieri ed ha fatto arrestare il marito. L'arresto è stato convalidato dal gip del tribunale di Arezzo. Il marito furioso deve rispondere di vari reati, tra cui la violenza sessuale. Marito e moglie vivevano nella stessa casa ma erano separati di fatto.

Il marito violento denunciato e arrestato

Il trentasettenne toscano non si era rassegnato, probabilmente, della fine del matrimonio e pedinava la moglie. L'uomo sapeva anche dove la donna si appartava con l'amante e, quando li ha visti insieme, è diventato iracondo. Botte alla donna e all'amante, poi lo stupro in casa. La vittima dell'abuso sessuale [VIDEO] ha subito denunciato lo stupro. Prima della denuncia si era rivolto ai carabinieri anche l'amante. Dopo la denuncia i carabinieri hanno arrestato il trentasettenne della Valdichiana aretina. Il pm di turno Chiara Pistolesi ha chiesto al gip Fabio Lombardo la convalida dell'arresto. La richiesta è stata accolta. Il protagonista dell'ennesima violenza ai danni di una donna ora è in galera con una pesante accusa. I parenti della vittima hanno detto che la donna e il trentasettenne hanno troncato il loro rapporto da circa un anno ma lui non si è mai rassegnato alla fine della storia, continuando a pedinarla e importunarla con tante telefonate.

Violenta la moglie ed esorta il figlio di 4 anni a ferirla

L'episodio avvenuto in Toscana nelle ultime ore è solo l'ultimo di una lunga lista. All'inizio di maggio, ad esempio, erano scattate le manette per un 26enne di Catania che aveva abusato, umiliato e segregato per anni la moglie coetanea. Lesioni personali aggravate, maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale aggravata i reati contestati. Le forze dell'ordine hanno scoperto che la donna era stata sottoposta ad umiliazioni di qualsiasi tipo; spesso veniva lasciata fuori, senza alimenti e acqua calda per lavarsi. Non finisce qui: la siciliana veniva picchiata spesso dal marito, anche sotto gli occhi dei figli di 4 e 2 anni. Un giorno il ventiseienne aveva dato un coltello al figlio di 4 anni inducendolo a colpire la madre.