La vicenda di cui si tratta in questo articolo è una di quelle storie riguardanti il fenomeno di violenza e abusi nei confronti di una donna, fenomeno purtroppo sempre più frequente e di cui si sente parlare quasi ogni giorno. L'ultimo episodio si è verificato in Marocco e la notizia non ha potuto che riscuotere allo stesso tempo sdegno e commozione. La vittima, Khadija, una ragazza di appena diciassette anni, che è stata rapita, stuprata e torturata da un branco di uomini che l'hanno tenuta in ostaggio per diversi mesi.

Pubblicità
Pubblicità

I criminali coinvolti in questo increscioso fatto, sarebbero addirittura tra i dieci e i dodici. Durante il sequestro della giovane marocchina, i suoi aggressori, oltre che le violenze sessuali, le hanno lasciato diversi segni di sigarette sul corpo e anche dei tatuaggi su tutto il corpo con scritte e immagini oscene, come ad esempio una svastica.

Orrore in Marocco: Khadija viene stuprata e torturata per mesi da dieci uomini

Dopo l'incubo vissuto da parte di Khadija per diversi mesi, la ragazza ha trovato il coraggio di raccontare tutto e inevitabilmente la sua vicenda ha suscitato indignazione in tutto il Marocco e non solo, tant'è vero che adesso la rete si è subito mobilitata per avviare una raccolta fondi che vada a sostenere la giovanissima vittima affinché possa uscire da questo incubo, garantendole le cure mediche e psicologiche di cui senz'altro avrà bisogno.

Pubblicità

Stando ai racconti della ragazza ad una televisione locale, la prigionia sarebbe durata circa due mesi e durante questo periodo di tempo veniva violentata e torturata quotidianamente. Il tutto sarebbe cominciato intorno alla metà di giugno quando Khadija era a casa di una sua zia a Oulad Ayad, a circa 150 chilometri da Marrakech.

Immediatamente dopo il rapimento, la diciassettenne è stata portata all'interno di una casa probabilmente di proprietà di uno dei suoi aguzzini e lì è stata venduta per soldi ad almeno dieci uomini che, con una crudeltà immane, non hanno avuto alcuna esitazione nel violentarla e torturarla. Khadija ha spiegato anche i suoi tentativi di evadere da quella casa per più volte ma ogni volta che ci aveva provato è stata poi catturata e picchiata.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Pare che non le venisse permesso neanche di mangiare e bere così come di fare una semplice doccia. Nel momento in cui i suoi aggressori hanno deciso di lasciarla andare, la ragazza ha subito denunciato alla polizia i drammatici fatti nella speranza che venga fatta giustizia.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto