asia argento continua a far parlare di sé, passando in pochissimi giorni, almeno secondo l'opinione pubblica, da vittima a "carnefice".

Dopo le accuse di molestia sessuale rivolte dall'attrice italiana al noto regista statunitense Harvey Weinstein, che si sarebbe approfittato di lei al festival di Cannes del lontano 1997, ora il New York Times ha accusato Asia Argento di aver messo in atto lo stesso gesto nel 2013 nei confronti dell'attore Jimmy Bennett [VIDEO], allora minorenne.

L'attrice, però, si è scagliata duramente contro il giornale, difendendo con forza la sua immagine.

L'accusa del NYT

Dopo le continue polemiche di Asia Argento sul caso Weinstein, contornate anche da liti social con il Ministro dell'Interno Matteo Salvini e dalla minaccia di lasciare per sempre l'Italia, la notizia lanciata dal New York Times è apparsa a tutti come una vera e propria bomba.

Secondo quanto riferito dal giornale, infatti, l'attrice italiana avrebbe avuto rapporti sessuali con Jimmy Bennett, un giovane attore con il quale ha lavorato in un film del 2004, intitolato "Ingannevole è il cuore più di ogni cosa". Fin qui, nulla di così clamoroso, se non fosse che il fatto sarebbe avvenuto nel 2013, in un albergo della California, quando il ragazzo era ancora diciassettenne, e quindi minorenne. Come se non bastasse, sempre secondo quanto riferito dal NYT, la quarantaduenne avrebbe pagato 380 mila euro per bloccare l'azione legale minacciata a posteriori dal ragazzo.

La smentita

Travolta dalle polemiche e dalle accuse di ipocrisia, Asia Argento ha immediatamente smentito la vicenda, affermando di non aver mai avuto rapporti sessuali con Jimmy Bennett [VIDEO], nonostante all'epoca ci fosse tra loro un bel rapporto di amicizia.

L'attrice, inoltre, ha etichettato come falsità tutto ciò che si è recentemente detto su di lei, dichiarando senza mezzi termini come, attorno alla sua persona, si sia scatenata una vera e propria "persecuzione". In una nota diffusa dall'avvocato Proni, la figlia del noto regista horror ha sostenuto di aver ricevuto un'enorme richiesta economica da parte di Bennett dopo i risvolti della vicenda Weinstein, poiché il ragazzo, in quel momento bisognoso di denaro, sperava di poter migliorare la sua situazione economica inventandosi la molestia sessuale di cui tanto si sta discutendo. Anthony Bourdain, il compagno di Asia Argento, per evitare di rovinare l'immagine della sua donna, ha così deciso di accontentare Jimmy Bennett, a patto che sparisse definitivamente dalla loro vita.

Sms contraddittori

In un sms inviato da Asia Argento al suo compagno Anthony Bourdain, però, le parole dell'attrice lasciano presagire uno scenario più vicino a quello ipotizzato dal New York Times. La donna, infatti, sembra raccontare alcuni dettagli hot della sua notte con Jimmy Bennett: "Ero gelata.

Lui era sopra di me". Come se non bastasse ha anche aggiunto che, secondo le parole rivolte dal giovane attore, lei sarebbe addirittura stata il suo sogno erotico già da quando aveva dodici anni. In un altro sms, invece, i due fidanzati etichettano Bennett come un vero e proprio asino, esprimendo come il pagamento della somma da lui richiesta non rappresenterebbe alcuna ammissione. Una vicenda con tante ombre e poche luci, attorno al quale si dovrà indagare ancora a lungo.