Un incidente aereo in Messico è avvenuto ieri pomeriggio, presso l’aeroporto Guadalupe della città di Victoria de Durango, nella regione centro-settentrionale. Il volo AM2431 era diretto verso la capitale, Città del Messico, ed è decollato da Victoria de Durango alle ore 16.00 ora locale. Nessun morto, 85 i feriti. Dalle prime ricostruzioni tecniche e dalle prime testimonianze dei passeggeri, un problema di assetto durante il decollo dovuto a condizioni climatiche sfavorevoli avrebbe provocato la caduta dell’aereo poco dopo le operazioni di decollo [VIDEO].

La dinamica dell’incidente aereo in Messico

Un aereo di manifattura Embraer, modello Embraer-190 in forza alla compagnia aerea Aeroméxico e diretto a Città del Messico ha perso improvvisamente quota appena dopo il decollo, precipitando e toccando terra in modo rocambolesco e disastroso per tutti coloro che si trovavano all’interno.

Si parla di un totale di 97 passeggeri regolarmente imbarcati e 4 membri dell’equipaggio.

Le prime segnalazioni parlano di un decollo fallimentare per l’Embraer 190. Dalle prime ricostruzioni dei testimoni, pare che l’aereo non sia riuscito a portare a termine completamente la fase di decollo. Ormai troppo tardi per abortirlo, si sarebbe sbilanciato perdendo subito quota e toccando il suolo poco più di un chilometro dopo il fine pista, in maniera non controllata. Un boato fortissimo e l’aereo che si incendia immediatamente: queste le prime testimonianze di chi ha assistito alla scena dall’esterno, impotente.

Le possibili cause dell’incidente in Messico

Le prime voci parlano di condizioni meteo proibitive. Il governatore dello Stato di Durango, José Rosas Aispuro Torres, ha dichiarato che “le condizioni meteorologiche erano sfavorevoli, stava grandinando, c’era una tempesta di vento.” Da questo set di condizioni meteo difficili sarebbe scaturita di decisione del pilota di abortire l’operazione di decollo in condizioni di sicurezza, senza però riuscirci.

Aggiunge Aispuro: “Per questo forse il pilota ha voluto interrompere la partenza, senza però riuscire”. Secondo il capo dell’Aviazione Civile messicana, Luis Gerardo Fonseca, non sarà facile determinare le cause dell’incidente, anche se le cause, secondo alcuni operatori dell’aeroporto, sarebbero da attribuire quasi totalmente al maltempo.

Le testimonianze dei passeggeri a bordo del veivolo incendiato sono chiare e parlano all’unisono: durante la fase di decollo mentre l’aereo stava per staccarsi dalla pista, il velivolo avrebbe avuto “uno strano movimento” (probabilmente dovuto ad una forte raffica di vento al traverso o vento in coda, una delle situazioni peggiori durante la fase di decollo), dopodichè sarebbero iniziate le criticità che hanno portato alla caduta dell’Embraer-190. Una cronaca che avrebbe potuto diventare nera.

Morti e Feriti dell’Embraer-190 di Aeroméxico

Nonostante il disastroso incidente dopo il decollo [VIDEO], non si contano morti. Solo 85 feriti, tra cui il pilota, Carlos Galvan Meyran, ricoverato in un vicino ospedale in condizioni di salute gravi.

Alcuni testimoni che hanno assistito al tragico incidente dall’esterno hanno detto di aver visto i passeggeri scendere da soli dall’aereo dopo l’impatto con il suolo, nonostante fosse già divampato l’incendio e fossero già sul posto i soccorsi e i vigili del fuoco. C’è da aggiungere che l’incindente è avvenuto in una zona aperta, non distante dall’aeroporto e comunque sgombra di case ed edifici pubblici.

Passeggeri di spicco sull’aereo dell’ incidente

La compagnia aerea ancora non ha fornito pubblicamente informazioni su tutti i passeggeri a bordo dell’Embraer-190 ed è quindi difficile conoscere le nazionalità di tutti. Si pensa, però, di poter escludere la presenza di italiani. Si sa che a bordo del velivolo viaggiasse una personalità pubblica di spicco della politica messicana, Romulo Campuzano, segretario generale del comitato direttivo del partito Azione Nazionale (Pan).

La fase di decollo

La fase di decollo è l’operazione in cui l’aereo acquisisce la velocità necessaria per staccarsi dal suolo e garantire la portanza necessaria all’ala per il sostentamento di tutto l’aeromobile in volo. Insieme alla fase di atterraggio, il decollo è la fase più critica per ogni volo e per ogni aircrew. Grandissima parte dell’addestramento dei piloti, sia per l’utilizzo di un nuovo velivolo che per il recurrent training o quello di cambio macchina, viene dedicata alla fase di decollo e atterraggio data la molteplicità di fattori che, nella realtà, impattano seriamente queste due fasi.

L’incidente in Messico è avvenuto dopo la V1, ossia la velocità di Decisione, soglia di velocità dopo la quale il decollo non può più essere abortito se non per avarie gravi. Il velivolo era già in aria quando è avvenuto l’incidente, quindi aveva superato sia la velocità di rotazione Vr (quando il comandante agisce sull’equilibratore de velivolo, il nose dell’aereo di solleva e avviene lo stacco delle ruote del carrello dal suolo), sia presumibilmente dopo la velocità di sicurezza V2, velocità alla quale è possibile continuare il volo anche in caso di piantata di uno dei due motori.

Il costruttore del velivolo: Embraer

Embraer è l'azienda costruttrice del velivolo Embraer-190 (velivolo da trasporto regionale biturbina) coinvolto nell'incidente in Messico. Embraer sta per Empresa Brasileira de Aeronautica S.A. ed è un'azienda metalmeccanica brasiliana impegnata nella costruzione di aeromobili sia civili che militari. Attualmente, è la terza compagnia al mondo per numero di persone che vi lavorano. È quotata alla Borsa di San Paolo e alla Borsa di NY.

È stata partner delle aziende italiane Aeritalia e Aermacchi (46,5% e 23,8% rispettivamente, ad Embraer è andata a quota del 29,7%) per la progettazione e costruzione del velivolo da caccia AMX International AMXche, per l'Aeronautica Italiana si chiama AMX Ghibli: un velivolo da attacco al suolo, monomotore a getto, con ala alta a freccia. È tutt'oggi in attività.