Ha coinvolto 8 persone un incidente verificatosi nelle prime ore del 14 agosto sulla strada statale 16 Otranto-Maglie, nel Salento. Il sinistro ha visto coinvolte una Seat Toledo e una Citroen C3. Quest'ultima era condotta da un agente della polizia penitenziaria. [VIDEO] La dinamica è ancora al vaglio degli investigatori, ma sembra che comunque all'origine di tutto ci sia la foratura di una gomma.

Agente positivo all'alcool

L'episodio è avvenuto intorno alle 4:30 del mattino di ieri 14 agosto. La Toledo in quel momento viaggiava in direzione della città salentina di Maglie, e proveniva da Otranto. Improvvisamente il conducente, un 24enne di Maglie, ha perso il controllo della vettura.

Secondo una primissima ricostruzione, alla Toledo sarebbe esplosa una gomma anteriore a causa di una foratura. Il mezzo ha quindi cominciato a sbandare a zig-zag lungo la carreggiata. All'interno, oltre al conducente, vi erano due suoi amici: si tratta di due giovani magliesi di 25 e 23 anni. Nel momento in cui la Seat ha perso il controllo, poco dietro vi era la Citroen condotta dall'agente, un 28enne di Bagnolo del Salento: questi non ha potuto evitare l'impatto con la vettura che lo precedeva. Nel violento scontro [VIDEO], un militare di 27 anni che viaggiava a bordo della Toledo, è rimasto ferito in maniera piuttosto grave. Anche gli altri due occupanti del mezzo condotto dall'agente sono rimasti feriti. Nessuna delle persone coinvolte è comunque in pericolo di vita.

Sul posto subito dopo il sinistro sono intervenuti i Carabinieri di Maglie e alcune ambulanze del 118.

I militari hanno sottoposto i conducenti dei due veicoli all'alcool test. Si è messa da subito male per l'agente penitenziario che è stato trovato positivo. Per lui è scattato il ritiro immediato della patente. Inoltre non è stato identificato un altro occupante della Seat, il quinto: al momento dell'arrivo degli agenti quest'ultimo infatti non risultava presente sul luogo del fatto.

L'agente aveva bevuto un cocktail leggero

Non appena appreso della vicenda, l'Osapp (Organizzazione sindacale autonoma di polizia penitenziaria) ha mostrato vicinanza all'agente coinvolto in questa spiacevole vicenda. Secondo quanto si apprende dalle fonti di informazione locali, il conducente della C3 infatti non era proprio ubriaco al volante. La quantità di alcol trovata risulta infatti di 0,57 grammi per litro, poco oltre i limiti consentiti dalla legge. La quale vieta comunque di bere alcoolici se ci si deve mettere alla guida di un qualsiasi veicolo. Il conducente avrebbe dichiarato sia all'associazione sindacale che ai militari di aver bevuto solo un cocktail leggero, per la precisione uno Spritz.