Ormai di Iushra, la bimba autistica bresciana, non vi sono più notizie dal 19 luglio, giorno della scomparsa nel mentre era in gita con l'associazione Fobap-Anffas sui monti di Serle, altopiano di Cariadeghe. Il campo base delle ricerche che ha visto la mobilitazione di centinaia di uomini tra protezione civile, vigili del fuoco, carabinieri forestali e volontari, sindaco del paesino bresciano compreso, Paolo Bonvicini, è stato smantellato.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo settimana di ricerche infruttuose, in cui sono stati utilizzati mezzi e uomini specializzati nella ricerca di persone, il prefetto di Brescia Annunziato Vardè ha ordinato lo stop alle operazioni.

Anche il prefetto di Brescia si è dovuto arrendere all'evidenza

Il prefetto, che aveva ordinato le ricerche ad oltranza, si è dovuto arrendere all'evidenza. Tutta la zona, tutti gli anfratti e le grotte dei circa 700 ettari di bosco sono stati scandagliati ed esplorati anche da esperti speleologi giunti da ogni parte d'Italia.

Pubblicità

Anche l'utilizzo di droni e di cani molecolari in grado di fiutare la presenza di persone, è risultato vano. Si è ricorso pure all'ausilio di veggenti e sensitivi, ma anche questi hanno fallito nel tentativo di trovare la piccola Iushra Gazi, residente a Serle ma di origini del Bangladesh. Solo una persona non si è ancora arresa: il papà della piccola.

Il papà di Iushra non si arrende, è convinto che la sua piccola sia viva e nelle mani di qualcuno

Dopo lo smantellamento del campo base, con la fine delle ricerche, il papà di Iushra, Mohamed Liton Gazi, non si dà pace.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Lui è convinto che la sua bambina sia ancora viva, teme che sia nelle mani di qualcuno e che pertanto ha deciso di continuare a cercarla. In questo disperato tentativo ha chiesto anche l'aiuto della comunità di Serle, dando indicazioni precise in caso di avvistamento della piccola: non toccarla ma di segnalarne immediatamente la presenza. Per meglio identificarla, si è precisato anche come era vestita il giorno della scomparsa: maglietta gialla a fiori, fuseaux rosa, scarpe da ginnastica blu.

Si affaccia l'ipotesi del rapimento, sono gli stessi genitori a non scartare tale ipotesi

"Se nel bosco non c'è, non può essere sparita. E allora sono convinto che qualcuno l'abbia presa, che qualcuno l'abbia portata via". Queste sono le parole ma anche le convinzioni di papà Gazi e della madre che attende a casa sempre buone notizie, insieme al resto della famiglia. Iushra è la primogenita di 4 figli.

Pubblicità

"Non so dove sia, ma credo sia con qualcuno", questa la sua l'affermazione.

Le ricerche del padre, allora, continuano nella speranza di trovare la sua Iushra.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto