Una terribile tragedia ha scosso Carpenedolo, popoloso centro della Bassa bresciana. Alessandra Fausti, una giovane mamma [VIDEO] di 33 anni è morta nel sonno a causa di un malore improvviso nella notte tra venerdì 10 e sabato 11 agosto. La donna, incinta, si è addormentata sul divano di casa e non si è più risvegliata. La notizia, riportata dalla stampa locale, è stata ripresa da numerose testate nazionali.

Alessandra è morta per un malore improvviso

Alessandra Fausti, originaria di Torino, si era trasferita con il marito Fabio alle porte di Brescia dopo il matrimonio. Venerdì sera, la donna - incinta e già madre [VIDEO] di una bambina di 2 anni, Martina - si era addormentata sul divano di casa e, per un malore improvviso che non le ha lasciato scampo, è morta nel sonno.

Il suo corpo senza vita è stato ritrovato al mattino dal marito che si stava preparando per uscire ed andare al lavoro. Quando si è avvicinato per svegliarla e salutarla, l'uomo, si è accorto che Alessandra non respirava più e ha chiamato immediatamente i soccorsi. Sul posto sono intervenute, subito, un'ambulanza ed una pattuglia dei carabinieri.

Il cuore della giovane mamma, però, aveva già smesso di battere ed il personale del 118 non ha potuto fare altro che decretarne il decesso. Probabilmente, Alessandra, nonostante godesse di buona Salute, ha avuto un arresto cardiocircolatorio che non lasciato scampo neppure al bimbo che portava in grembo.

Il pm di turno, dopo essersi assicurato che la giovane donna è morta per cause naturali, non ha disposto ulteriori accertamenti e ha concesso il nullaosta per la sepoltura.

I funerali di Alessandra - che oltre al marito ed alla figlioletta Martina - ha lasciato nel dolore i genitori Mirella e Franco ed il fratello Gianluca si svolgeranno, nella chiesa parrocchiale di Carpenedolo, lunedì 13 agosto alle ore 14,30.

L'arresto cardiocircolatorio

Con ogni probabilità, Alessandra, è morta a causa di un arresto cardiocircolatorio. L’arresto cardiaco improvviso, generalmente è causato da un’aritmia: il cuore, inizia a battere ad un ritmo elevato e a vibrare; in queste condizioni la sua capacità di pompare sangue al cervello ed al resto del corpo è fortemente compromessa e, se non si interviene immediatamente, si può arrivare al decesso nel giro di pochi minuti.

Le cause che possono portare all'arresto cardiocircolatorio, generalmente, sono legate ad un problema del sistema elettrico del cuore. Sebbene sia un evento quasi imprevedibile alcuni soggetti (ad esempio chi ha già avuto un infarto miocardico o chi soffre di scompenso cardiaco) sono più esposti di altri al rischio di arresto cardiaco improvviso.