Questa mattina, poco dopo mezzogiorno, Marina Abramovic è stata aggredita da un uomo all'uscita di Palazzo Strozzi a Firenze. L'artista serba si trova nel capoluogo toscano perché da venerdì scorso il celebre Palazzo ospita la sua mostra dal titolo 'The Cleaner'. L'esibizione è il suo modo di festeggiare i 50 anni di carriera.

L'aggressore è famoso per aver fatto già altri gesti eclatanti

La performer aveva da poco finito un incontro con il pubblico per firmare i suoi cataloghi e libri. Appena uscita dall'edificio, un uomo le ha colpito la testa con una tela.

Il quadro era incorniciato, ma senza vetro. Rappresentava un ritratto della stessa Marina. Emotivamente turbata, si è messa al riparo nel bar dentro il cortile del Palazzo. L'aggressore, Vaclav Pisvejc, un artista di origine ceca e residente da tempo a Firenze, è stato subito bloccato dalla polizia. In passato aveva già fatto gesti di questo genere. Nel 2012, infatti, aveva tappezzato con dollari finti il grande convento di Sant'Orsola. Nel 2014 in Piazza Signoria, si era spogliato e sdraiato sui dollari in via Zannetti, vicino al Duomo di Firenze.

Nel 2015 aveva fatto la stessa cosa nella navata di Santa Maria del Fiore. È stato denunciato per atti osceni in luogo pubblico. Sempre nella stessa piazza, a gennaio, aveva imbrattato con una bomboletta spray di colore rosso una statua di Urs Fischercon, artista svizzero. Trovato in flagrante di reato alle 8 del mattino da 2 agenti della Polizia, è stato denunciato per deturpamento e danneggiamento.

Sindaco di Firenze: 'Totale solidarietà a Marina'

Dario Nardella, sindaco di Firenze, su Twitter ha scritto: "Un uomo, colpevole di altri gesti simili, ha colpito Marina Abramovic alla testa con una tela. Lei non si è fatta nulla per fortuna e l'uomo è stato fermato subito". Solidarietà anche da parte di Arturo Galansino, direttore del Palazzo Strozzi: "Sono dispiaciuto per ciò che è avvenuto. Era l'ultimo appuntamento della Abramovic a Firenze, dopo 4 giorni di amore e gioia ricambiati".

Chi stava in coda dalle 8 della mattina ha visto tutto. Ancora né il Palazzo e né Marina hanno deciso se denunciare o meno l'uomo. Quest'ultimo, dopo essere stato identificato, è stato trattenuto al commissariato di Polizia. Le autorità stanno analizzando il reato di violenza privata. L'artista, prima che il suo aggressore venisse portato in questura, ha voluto incontrarlo.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!