Desirèe Mariottini, sedicenne di Cisterna di Latina, la scorsa settimana è stata trovata senza vita in uno stabile abbandonato di San Lorenzo, a Roma. A quanto ricostruito dalle indagini condotte dalla squadra mobile di Roma e dal commissariato San Lorenzo, Desirèe avrebbe fatto uso di sostanze stupefacenti già nel pomeriggio del 18 ottobre e avrebbe perso coscienza per poi morire nella notte del 19 ottobre. Ed è proprio in quel lasso di tempo che si sarebbero consumati gli abusi.

Primi fermi per omicidio

L'edificio dove la ragazza è stata drogata, violentata e uccisa è una centrale dello spaccio con infiltrazioni della camorra che gestisce pusher africani. Nella notte del 25 ottobre ci sono stati due arresti a seguito delle indagini; si tratta di due senegalesi sprovvisti di documentazione Mamadou Gara, di 27 anni, e Brian Minteh, di 43, interrogati dalla Squadra mobile della questura di Roma e dalla quale sono emerse verità oggettive.

Un ulteriore arresto si è verificato questa mattina; un terzo uomo sospettato dell'omicidio di Desirèe Mariottini è al momento sotto interrogatorio. Intanto, il dottor Dino Mario Tancredi, ha rivelato che il decesso è avvenuto per soffocamento, per causa asfittica, per cui non è legato a un'overdose. Verranno, tuttavia, effettuati ulteriori esami per confermare l'ipotesi.

Sono diverse le testimonianze.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Una ragazza racconta che Desirèe consumasse eroina e crack; alcuni affermano che la ragazzina in quello stabile ci sia già stata. Gli abitanti di Cisterna di Latina raccontano come si fosse trasformata in una ragazza ribelle, da ragazza timida e introversa quale era. Il cambiamento viene associato al probabile rapporto conflittuale con la sua famiglia o a causa di un disagio che l'aveva accompagnata fin dai primi passi.

Matteo Salvini: 'Tornerò con la ruspa'

Il ministro dell'interno, Matteo Salvini, mercoledì 24 ottobre, si è presentato davanti lo stabile il cui ingresso è stato sbarrato da una cinquantina di militanti di sinistra. In mattinata ha parlato di sgomberi di immobili occupati e giustizia, promettendo di ritornare con la ruspa.

Salvini nel pomeriggio è poi tornato in via dei Lucani a San Lorenzo, senza ruspa ma con una rosa bianca deposta all'ingresso del complesso.

Alla riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, svoltosi in prefettura a Roma dopo l'omicidio della ragazzina di 16 anni, hanno partecipato la sindaca di Roma Virginia Raggi, il procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone e il ministro dell'Interno Matteo Salvini. A seguito della riunione, per i prossimi mesi, a Roma e provincia, saranno previsti 154 poliziotti in più e l'arrivo di 100 unità entro novembre.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto