Una vicenda terribile giunge dal New Jersey, negli Stati Uniti, dove una donna di 24 anni, Nakira Griner, è accusata di aver ucciso suo figlio in maniera davvero brutale. Un omicidio che ha letteralmente sconvolto non solo il News Jersey, ma tutti gli States. Secondo quanto riportato dalla stampa locale, pare che la donna, almeno in un primo momento, abbia negato di aver commesso il delitto. La stessa avrebbe dichiarato agli inquirenti di essere stata aggredita proprio mentre camminava insieme al bambino, e che quest'ultimo fosse scomparso. Gli agenti di Polizia hanno quindi chiesto alla donna una descrizione del presunto aggressore, ma a tale domanda non ha saputo fornire risposta.

Pubblicità
Pubblicità

La donna ha cambiato versione

Secondo quanto riferisce la testata giornalistica on-line Leggo, che cita fonti locali, la donna ha improvvisamente cambiato versione. Agli inquirenti ha quindi detto di essersi arrabbiata con il figlioletto, per poi successivamente colpirlo. Ricordiamo che le generalità del piccolo, per una questione di deontologia professionale e vista la delicatezza del caso, non possono essere rese note in questa sede. A questo punto, sempre secondo quanto riferisce la Griner, ha lasciato il bambino per strada.

Usa, giovane madre 'ossessionata dai selfie' uccide, brucia e fa a pezzi suo figlio
Usa, giovane madre 'ossessionata dai selfie' uccide, brucia e fa a pezzi suo figlio

La versione non è sembrata credibile agli investigatori, che hanno quindi indagato a fondo sulla posizione della donna. Gli agenti hanno quindi cercato il bambino, purtroppo ritrovato ormai deceduto. Ma è qui che gli investigatori si sono ritrovati davanti una scena assurda. I resti del bimbo sono stati trovati in parte in un sacchetto dei rifiuti, mentre altre parti del corpo sono state ritrovate nella proprietà di famiglia, situata nella cittadina di Paterson.

Pubblicità

Il test della verità effettuato sulla donna aveva confermato che mentiva. La donna è stata quindi arrestata con l'accusa di omicidio, e dovrà anche rispondere di numerosi reati.

Le indagini continuano

Il caso non è ancora chiuso, proprio perché gli inquirenti stanno cercando di capire le reali cause del decesso del bambino. In un rapporto, l'agente Veronica Cappoli ha dichiarato che la donna ha riferito di essere stata presa a calci da uno sconosciuto, e che sarebbe anche caduta a terra.

Questa versione, come su detto, non è stata dichiarata credibile dagli stessi poliziotti. Inoltre la madre ha affermato di avere con sé, in braccio, l'altro suo figlio, mentre il bimbo deceduto si trovava nel passeggino, proprio da qui quest'ultimo sarebbe stato rapito. Pochi giorni prima del reato, la Griner aveva pubblicato un post sui social, in cui diceva di amare tantissimo i suoi figli.

Clicca per leggere la news e guarda il video