Un caso destinato a far scuola e che arriva proprio nei giorni in cui si sta discutendo della diffusione di foto intime sul web per vendetta personale. Dopo la triste vicenda di Tiziana Cantone in queste ore è emersa una nuova scabrosa vicenda. Una cinquantaduenne, residente in Salento, ha scoperto che l’ex aveva creato un profilo a suo nome su Facebook sul quale aveva pubblicato una serie di foto e filmati osé. L’uomo, un cinquantunenne originario di Pompei, non accettava la fine della relazione ed ha deciso di metterla in cattiva luce pubblicando sul social network immagini private.

Pubblicità
Pubblicità

I fatti risalgono all’ottobre 2014 quando la donna venne a conoscenza che era stato attivato un profilo a suo nome in cui venivano pubblicate scatti decisamente bollenti.

Da quel momento è iniziata l’odissea della cinquantaduenne che, dopo aver presentato denuncia contro l’ex fidanzato, era riuscita a far oscurare l’account. A distanza di due anni la vittima ha scoperto che la pagina era tornata on line ed, a questo punto, ha deciso di presentare denuncia contro Mark Zuckerberg.

Pubblicità

La vendetta dell'ex

Una storia d’amore conclusasi in maniera tumultuosa ed un uomo, V. V. di Pompei, che non aveva nessuna intenzione di voltare pagina. Dopo aver compreso che non aveva nessuna possibilità di riconquistare la donna, il cinquantunenne ha deciso di mettere in atto un piano subdolo. Da qui la decisione di creare un profilo a nome dell’ex su Facebook, che non si era mai iscritta al social, e, soprattutto, inserire scatti e filmati di inequivocabili atti intimi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera Tecnologia

Inoltre l’uomo aveva iniziato a chiedere l’amicizia a parenti e conoscenti della cinquantaduenne.

Quando la vittima, originaria di Lecce, si è resa conto che i suoi momenti più intimi erano di dominio pubblico ha presentato denuncia, attraverso l’avvocato Giancarlo Sparascio, nei confronti dell’ex ed è riuscita a far rimuovere quell’account che le aveva creato enormi problemi (le foto erano diventate virali sul web).

Profilo riattivato per problemi al sistema di controllo di Facebook

Incubo finito?

Niente di tutto ciò, due anni dopo il profilo è stato riattivato per problematiche legate all’inadeguatezza del sistema di controllo di Facebook. A questo punto il legale difensore della donna ha presentato denuncia nei confronti del fondatore del social, Mark Zuckerberg, ed attualmente è stato aperto un procedimento davanti ai giudici del Tribunale di Torre Annunziata.

Una vicenda destinata a far discutere e che rientra nella casistica del ‘revenge porn’ che tanto sta facendo discutere gli esponenti politici (nei giorni scorsi è stato stralciato dal ddl Codice Rosso).

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto