Prosegue la discussione che ha diviso il mondo di morale cattolica e progressista se si sia trattato di eutanasia o di un diritto inalienabile. Di Noa Pothoven, la ragazza di diciassette anni che con un progetto chiarissimo e terribilmente lucido ha deciso di non alimentarsi fino a morire dopo aver subito una violenza sessuale che l’aveva gettata nella depressione, hanno parlato il Papa, i capi di Stato di mezzo pianeta, filosofi e sociologi.

Ci si interroga sui valori di un’epoca che dà clamore a squallidi personaggi di cartapesta buoni per share e followers ma non sa tutelare in alcun modo le persone vere che subiscono drammi autentici.

“Amica mia, mi mancherai ma so che era la tua volontà”

In tutto questo clamore è straziante, ma anche centrale, il parere di chi ha convissuto con Noa, in particolare i suoi genitori, che non si sono opposti al desiderio della figlia, i fratelli e gli amici più cari che fino all’ultimo le hanno fatto visita sperando in un ripensamento che la riportasse verso la vita.

Joyce Scholten era la compagna di scuola più vicina a Noa, insieme avevano condiviso diversi anni di studio: Joyce era stata l’amica alla quale la ragazzina di Arnhem si era aggrappata dopo lo stupro. La foto che la ragazza ha pubblicato sulla sua timeline di Instagram è straziante: “Addio tesoro, ti amo immensamente. So che mi mancherai in modo terribile ma so anche che in fondo è meglio così” scrive, riferendosi alla ferrea volontà di Noa di non essere alimentata e nemmeno rianimata.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera Papa Francesco

Il ricordo di Noa forse servirà a evitare drammi come il suo

“Continuerò per te questa battaglia e ti dimostrerò di essere forte abbastanza per farcela. Ti voglio bene”: Joyce si riferisce agli stupri giovanili e alla depressione tra i teenager che è diventato un fenomeno dilagante anche in paesi evolutissimi come l’Olanda, la Danimarca, la Svezia. Fenomeni che spesso sono accompagnati a forme di bullismo feroce che diventano virali attraverso i social media.

Noa aveva subito una violenza sessuale efferata quando aveva soltanto undici anni e aveva chiesto di poter accedere alla ‘dolce morte’ non appena aveva compiuto sedici anni. Di fronte a carenze burocratiche e di legge scelse la strada più dolorosa e faticosa lasciandosi morire. Il medico legale ha definitivamente stabilito che la ragazza è morta a causa di un collasso cardiocircolatorio dovuto a digiuno e disidratazione.

Il suo libro “Winnen or Leren” (Vincere o Imparare), scritto quando era nel pieno della sua battaglia per ottenere il diritto al suicidio assistito e che era già un bestseller premiato con diversi riconoscimenti, è andato esaurito e sarà certamente il fenomeno letterario del 2019. Il ricavato delle vendite del libro andranno probabilmente a una fondazione che porterà il nome di Noa e che tutelerà le giovani vittime di stalking e di stupro.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto