Ad Andria un giovane di 28 anni è stato ucciso ieri sera, 12 settembre, per una banale lite. L'uomo è stato aggredito e accoltellato per strada davanti alla moglie e al figlio di 5 anni, che erano a bordo dell'auto della vittima. L'assassino, 50enne, è stato rintracciato e fermato dopo qualche ora dall'omicidio.

Il delitto alla periferia di Andria, davanti a moglie e figlio

È successo alla rotatoria tra via Puccini e via Corato, alla periferia di Andria.

Giovanni Di Vito, ventottenne agricoltore di Trani, era alla guida della sua auto con la moglie e il figlio, quando si è scatenato un litigio con un altro automobilista, probabilmente dovuto ad una precedenza mancata. I due si sono scambiati urla e accuse, poi sono scesi dalle rispettive auto e hanno incominciato a litigare faccia a faccia. Durante la colluttazione, il giovane si è accasciato a terra improvvisamente.

La coltellata inferta al ventottenne gli ha reciso l'aorta e per lui non c'è stato scampo. L'omicida è fuggito subito a bordo della sua Mercedes, facendo perdere le sue tracce.

La scena della tragedia si è consumata sotto gli occhi attoniti della moglie e del figlio del giovane, e di alcuni passanti che hanno assistito impotenti all'assurdo litigio. La donna, aiutata da alcuni presenti, ha subito cercato di soccorrere il giovane marito.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Successivamente, Giovanni Di Vito è stato trasportato con urgenza all'ospedale Bonomo a bordo della sua stessa Chevrolet. Nella struttura sanitaria, nonostante i disperati tentativi dei medici per salvare la vita del giovane, il ventottenne è morto intorno alle 20:30 a causa della ferita troppo profonda che aveva al petto e alla conseguente perdita di sangue.

Morto per una lite tra automobilisti: fermato l'assassino

Sul luogo del delitto sono arrivate le Forze dell'Ordine che, per prima cosa, hanno provveduto a raccogliere le numerose testimonianze dei presenti che hanno assistito alla scena.

Inoltre, sono state utilizzate anche le informazioni delle videocamere di sorveglianza sistemate nella zona dell'omicidio. Gli agenti sono risaliti al numero di targa della Mercedes analizzando le immagini e ascoltando i testimoni e, poco prima della mezzanotte, il cinquantenne responsabile del delitto è stato fermato. L'uomo era ancora a bordo della sua auto quando è stato bloccato dagli uomini del Commissariato di Andria e dagli agenti della squadra mobile di Bari.

Si tratta di un residente di Andria, cinquantenne, che ha già dei precedenti penali e al momento si trova nel carcere di Trani. Gli inquirenti continuano le indagini per ricostruire come si sono svolti esattamente i fatti dell'aggressione.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto