Dramma sfiorato nella sera di ieri 9 novembre a Milano, precisamente in un ascensore dell'ospedale San Raffaele, dove un pregiudicato di 60 anni, Antonio Cianci, ha aggredito a coltellate un 79enne che ora si trova ricoverato in gravi condizioni presso lo stesso nosocomio. L'anziano comunque non sarebbe in pericolo di vita.

Secondo quanto riportano i media locali e nazionali, pare che il malfattore volesse rapinare l'anziano, che però ha accennato una reazione.

Il 60enne si trovava fuori dalla casa circondariale perché aveva avuto un permesso premio per buona condotta. Cianci, secondo quanto riferisce la testata giornalistica locale online Milano Today, è originario di Cerignola, un paese che si trova nell'hinterland pugliese della provincia di Foggia.

Condannato a 20 anni di carcere per omicidio plurimo

Il Cianci era stato condannato a 20 di carcere perché nel lontano 1979 aggredì e uccise ben tre carabinieri.

Era stato già condannato in precedenza all'ergastolo ed era attualmente recluso presso il carcere di Bollate. Quando l'uomo ha ottenuto il permesso per poter uscire dalla casa circondariale, agli agenti ha detto che il suo unico desiderio era quello di recarsi a casa della sorella, che non vedeva da diverso tempo. Ma a quanto pare la sua direzione è stata proprio il nosocomio milanese, dove poco dopo ha compiuto il misfatto.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Una volta venuti a conoscenza dell'aggressione, gli agenti della Polizia di Stato si sono messi sulle sue tracce, trovandolo poco dopo con un taglierino in mano che era ancora sporco di sangue. Il malvivente avrebbe colpito l'anziano alla gola. A quanto pare Cianci sarebbe riuscito anche a sottrarre lo smartphone dell'anziano, oggetto che gli è stato ritrovato addosso.

Il permesso era solo di un giorno

Il suo permesso premio doveva durare soltanto un giorno.

Quando fu arrestato la prima volta nel '79, Cianci riferì che a sparare quella notte furono altri individui giunti a bordo di un'auto, e che lui era invece assolutamente estraneo ai fatti. L'uomo fu fermato durante un posto di blocco e la vettura che guidava risultava proveniente da un furto.

Quando è stato aggredito, il 79enne si trovava vicino alla macchinette del caffè al piano - 1. Un'azione fulminea che purtroppo lo ha colto di sorpresa.

Novità video - Ergastolano in permesso premio rapina e ferisce anziano
Clicca per vedere

Sicuramente nelle prossime ore, o al massimo nei prossimi giorni, si potranno conoscere ulteriori dettagli su questo spiacevole episodio. Si attende intanto un ulteriore referto medico dei sanitari del San Raffaele, che sono rimasti sconcertati per quanto accaduto. La notizia si è immediatamente diffusa nel capoluogo lombardo ed è stata ripresa subito dai più importanti media nazionali.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto