Erano circa le 23:30 di lunedì 10 febbraio, quando a Milano, e più precisamente nei pressi della banchina del tram numero 9 in prossimità di piazzale Oberdan, si è verificato un tragico incidente, che ha causato la morte di una turista coreana di soli vent'anni.

Un’altra morte in città, dunque, che si inserisce lungo la scia di tragici eventi che hanno sconvolto di recente il capoluogo lombardo e dintorni.

La dinamica dell'incidente

Restano ancora un mistero le circostanze esatte che hanno fatto da sfondo e comportato l'incidente mortale.

Stando alle prime testimonianze, la ragazza si trovava in compagnia di tre amiche quando, per cause ancora in corso di accertamento, si sarebbe ritrovata sulle rotaie proprio nel momento in cui il tram della linea 9 aveva ripreso la corsa, risultandone travolta e uccisa sul colpo.

Trasportate in ospedale in stato di shock, le tre ragazze che si trovavano con la vittima al momento del tragico schianto hanno in seguito dichiarato alla Polizia locale che l’amica aveva bevuto alcuni drink durante la serata.

Da stabilire dunque se sia stato l’alcool a comportare la caduta della giovane sulle rotaie o se si sia trattato di un inciampo, un malore o un tentativo proprio di riuscire a salire sul mezzo. Nel frattempo il pm ha disposto di procedere con l’autopsia e con esami tossicologici, al fine di far luce sulle circostanze dell’incidente e a identificare eventuali responsabilità.

Rimane infatti da capire il motivo per cui il tram proveniente dalla Stazione Centrale e diretto a Porta Genova non sia riuscito a fermarsi in tempo, dal momento che il mezzo procedeva a velocità bassa e la ragazza sia stata trascinata per qualche metro.

Stando alle ultime dichiarazioni, l’autista ATM è stato iscritto nel registro degli indagati e rischia ora la condanna per omicidio colposo. A sua discolpa, l’uomo avrebbe, tuttavia, dichiarato che la giovane sarebbe comparsa sulle rotaie all’improvviso, impedendogli di evitare lo scontro.

Ancora incidenti sui mezzi

Il fatale schianto della turista coreana si inserisce in una triste serie di incidenti verificatisi nel capoluogo lombardo e dintorni con il coinvolgimento di mezzi pubblici.

Risale a soli due giorni fa la notizia di uno scontro tra un'auto e un tram della linea 3 in via Torino, risultato in due feriti lievi. E riecheggia ancora comprensibilmente il ricordo della tragedia del deragliamento del Frecciarossa Milano - Bologna dello scorso 6 febbraio.

Soltanto un mese fa, era stata invece un'altra donna asiatica, la quarantanovenne filippina Shirley Ortega, a perdere la vita nel terribile scontro tra un autobus dell'Atm e un mezzo dell'azienda di rifiuti Amsa. Senza dimenticare infine che un tale bilancio è aggravato dalla serie di morti registrate nelle diverse gallerie della metropolitana del sistema milanese, la maggior parte delle quali sembrerebbe comunque attribuita a intenti suicidi.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!