Deniel Frassino, il 17enne scomparso lo scorso 9 gennaio, ha telefonato al padre per comunicargli che sta bene. Tuttavia, non ha voluto dire dove si trova. Papà Davide, disperato, nei giorni scorsi aveva lanciato un disperato appello: "Dimmi solo che sei vivo". Il giovane si trovava in una comunità di recupero, ma questa situazione lo faceva soffrire. La sua scomparsa, per certi versi, ricorda un recente caso di Cronaca Nera: l'allontanamento di Lisa Sartori, 16enne bolzanina ospitata in una casa famiglia per ragazzi.

La scomparsa di Deniel

Deniel Frassino ha fatto perdere le sue tracce giovedì 9 gennaio. Giovane "difficile" era stato affidato ai servizi sociali e, per questo, nei mesi scorsi stava seguendo un percorso di recupero in una comunità di Verona. Qualche settimana fa, però, era stato trasferito nelle Marche, in una struttura di Pesaro. Il cambiamento, però, secondo Davide Frassino, padre del 17enne, lo aveva scombussolato e destabilizzato. Tant'è che il 7 gennaio 2020 il ragazzo aveva deciso di far rientro in Friuli-Venezia Giulia e si era fatto ospitare da un amico, a Pordenone.

Il padre di quest'ultimo, poliziotto, però lo aveva convinto a tornare sui suoi passi e il giorno seguente, Deniel, era tornato in comunità.

Cosa sia accaduto al suo ritorno, però, è ancora un mistero. Poco più tardi, infatti, il ragazzo si è allontanato nuovamente senza portare con sé soldi, cellulare e documenti. Inutili, quindi, i tentativi del padre di contattarlo. L'uomo, originario di Montereale Valcellina, aveva spiegato con le lacrime agli occhi: "Deniel era spaventato, non voleva restare a Pesaro perché lì aveva delle difficoltà di comunicazione".

L'appello del papà di Deniel

Davide Frassino, preoccupato, dopo aver segnalato la scomparsa del figlio alle forze dell'ordine, aveva lanciato anche un accorato appello dalle pagine del Gazzettino. "Voglio solo sapere che è vivo e che sta bene", aveva dichiarato con le lacrime agli occhi. "Non riesco più a vivere senza sapere come sta", aveva aggiunto mostrando una foto del suo Deniel (scattata nel dicembre scorso) e una sua descrizione.

Il 17enne, alto circa poco più di 1,90 cm è magro, ha gli occhi castani e porta un piercing sopra il sopracciglio sinistro.

Poi, chiedendo a chiunque avesse informazioni utili di chiamare i carabinieri o di mettersi in contatto con lui, si era rivolto direttamente al giovane: "Deniel, sono ad Andreis (piccolo comune friulano, ndr) e ti aspetto. Voglio solamente sapere se stai bene. Non dimenticare che le porte sono sempre aperte e insieme risolveremo tutto. Non avere paura di nulla, papà non ti abbandona".

Deniel ha chiamato papà

A quasi un mese dalla scomparsa di Deniel, papà Davide, era sopraffatto dall'ansia e dall'angoscia.

"Non so più che cosa pensare - aveva affermato -. Spero che qualcuno riesca ad aiutarmi". A sorpresa, però, il 17enne oggi ha telefonato al padre. Come ha confermato il legato della famiglia Frassino, l'avvocato Laura Ferretti, la chiamata del giovane ha tranquillizzato l'uomo. Per il momento, però, ancora non è dato sapere dove si trovi il 17enne. Forse, ha chiesto aiuto a qualche amico anche se nessuno dei ragazzi che Deniel era solito frequentare prima di entrare in comunità lo ha visto recentemente. Molti, addirittura, non lo sentono da mesi.

La storia di Deniel, ricorda la scomparsa di Lisa Sartori.

Anche la 16enne bolzanina si era allontanata, nel novembre scorso, dalla comunità che la ospitava da qualche mese. Anche lei, ritrovata il 30 dicembre 2019, qualche settimana dopo aver fatto perdere le sue tracce, aveva telefonato al padre che comunicargli che stava bene, ma che non intendeva fare ritorno a casa.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!