Zanardi continua la sua lunga battaglia per superare il difficile periodo che dal 19 giugno lo costringe in ospedale dopo il terribile incidente occorsogli a Siena. Ricoverato per più di un mese all'ospedale Le Scotte di Siena, ha subito tre interventi, due al cervello e uno al viso per la ricostruzione delle ossa facciali andate distrutte dopo l'impatto contro il camion. A seguito della stabilità delle sue condizioni cardio-respiratorie, è stato trasferito ad un centro riabilitativo nel lecchese, a Villa Beretta, uno dei centri più rinomati per la riabilitazione post-traumi celebrali. Purtroppo, a seguito di alcune complicazioni, Alex è stato nuovamente trasferito, questa volta al San Raffaele di Milano, venerdì 24 luglio.

Ricoverato per la seconda volta a causa di una febbre batterica, il giorno successivo, sabato 25 luglio, ha subito il quarto intervento al cervello per alcune complicazioni tardive dovute al trauma cranico primitivo. La comunicazione è arrivata direttamente dall'ospedale San Raffaele.

La nota del San Raffaele: 'Il paziente è stato sottoposto a una delicata procedura neurochirurgica'

Il San Raffaele ha reso nota, con un comunicato ufficiale, l'operazione alla testa alla quale è stato sottoposto Alex Zanardi, resasi necessaria a seguito di alcune complicanze emerse dopo il trauma cranico conseguenza del terribile incidente. ''Il paziente è stato sottoposto a una delicata procedura neurochirurgica eseguita dal professor Pietro Mortini, direttore dell’Unità Operativa di Neurochirurgia, per il trattamento di alcune complicanze tardive dovute al trauma cranico primitivo''.

L'esito dell'operazione è risultato positivo, il paziente ha risposto bene alle cure, anche se rimane ricoverato in Terapia Intensiva Neurochirurgica.

Da Villa Beretta al San Raffaele, le ore concitate per Zanardi

Negli ultimi giorni, la battaglia di Zanardi si è fatta molto più dura. Dopo una lenta ripresa a più di un mese dall'incidente, Alex era stato trasferito al centro di Villa Berretta per iniziare il periodo riabilitativo.

Purtroppo, nella giornata di venerdì, le sue condizioni si erano aggravate ed era stato trasferito d'urgenza presso la terapia intensiva dell'ospedale San Raffaele di Milano. Precedentemente, la decisione di trasferirlo in un'autoambulanza da Siena a Lecco era stata presa dopo aver ridotto il suo periodo di sedazione, grazie anche al miglioramento delle condizioni cardio-respiratorie, anche se il quadro neurologico era sempre stato grave.

Nella sua stanza di Villa Beretta era cosciente a tratti. Al quarto giorno, purtroppo, la notizia che le condizioni di Alex erano diventate instabili. Per questo era stato richiesto il suo trasferimento al San Raffaele con i dovuti mezzi. Una volta all'ospedale, è stato sottoposto ai vari accertamenti per l'inquadramento generale delle sue condizioni cliniche.

Segui la nostra pagina Facebook!