"Io se tornassi indietro rifarei tutto”. A parlare ai microfoni di Rtl 102.5 è Dmitry Borisov, conduttore del discusso talk show russo che ha portato in tv Olesya Rostova e riacceso i riflettori sulla scomparsa di Denise Pipitone. Nei giorni scorsi, in molti avevano criticato il modo in cui era stato spettacolarizzato questo caso di cronaca. Il presentatore, che ha ribadito che la tv dev'essere al servizio del cittadino, nella serata di ieri, mercoledì 7 aprile, durante la messa in onda di "Chi l'ha visto?" si è comunque scusato con Piera Maggio, madre della bimba scomparsa da Mazara del Vallo nel 2004 e tutto il pubblico italiano.

"Non volevamo ferire i sentimenti di nessuno", ha dichiarato.

'La tv al servizio del cittadino'

Olesya Rostova, la ventenne russa che sostiene di essere stata portata via dalla sua famiglia d'origine all'età di quattro anni, non è Denise Pipitone. Nonostante i tratti somatici somiglianti, infatti, non è stata rilevata corrispondenza tra i gruppi sanguigni. La conferma è arrivata ieri durante la messa in onda, sul primo canale russo Tv1, della registrazione del programma "Lasciali parlare". Ai familiari della bimba scomparsa il 1° settembre 2004 dalla provincia di Trapani, però, non è piaciuto il modo in cui è stata gestita la possibile correlazione tra i due casi. Il conduttore del programma, Dmitry Borisov, però ha difeso le sue scelte e, intervistato dall'emittente radiofonica Rtl 102.5 ha spiegato: "L''importante è che Oleysa possa ritrovare la felicità esaudendo il suo desiderio".

Poi, sottolineando che si tratta di una cosa molto seria ha aggiunto: "Se trovasse la sua famiglia sarebbe spettacolare, ma non sarebbe sicuramente spettacolo. La televisione deve essere al servizio del cittadino". Il presentatore, commentando il particolare stato di Piera Maggio si è detto dispiaciuto in ugual misura per tutte quelle famiglie che hanno pensato e sperato che Olesya fosse una loro parente.

"Abbiamo solamente cercato di aiutarle. Se tornassi indietro - ha concluso - rifarei tutto".

Frazzitta: 'Trasmissione trash'

Il legale di Piera Maggio, l'avvocato Giacomo Frazzitta dopo la messa in onda della puntata di ieri ha deciso di trasmettere una nota alla Procura di Marsala, che valuterà se sia il caso di procedere con ulteriori accertamenti.

Il professionista ha poi spiegato che, per rendere più rapidi i tempi di verifica si è preferito seguire privatamente i contatti con gli avvocati di Olesya. "Un'eventuale rogatoria con la Russia - ha precisato - avrebbe comportato tempi più lunghi e, si riteneva necessario conoscere almeno il dato preliminare relativo al gruppo sanguigno in modo di poter approfondire la vicenda".

L'avvocato Frazzitta, in riferimento al talk show condotto da Dmitry Borisov ha poi commentato: "Dire che è stata una trasmissione trash è un eufemismo". Quindi ha concluso: "Hanno voluto metter in piazza, senza rispetto, le vite spezzate e il dolore delle persone".

Segui la nostra pagina Facebook!