Marilyn Manson nei guai. Dopo la recente denuncia della sua ex assistente, la polizia ha emesso un mandato di arresto per un fatto avvenuto nel 2019. La vicenda non ha nulla a che fare con la denuncia per abusi delle ultime settimane, ma è comunque di non poco conto. L'artista statunitense, infatti, rischierebbe il carcere ed una multa. A costargli caro uno sputo contro un cameraman durante un concerto.

Nuovi problemi con la legge per Manson

Sembrano non fermarsi le brutte notizie per Marilyn Manson. Il cantante, che negli ultimi tempi è stato al centro di uno scandalo mediatico a seguito delle accuse rivoltegli dell'ex compagna, deve rispondere di altri reati.

Nel 2019 infatti, durante un concerto, avrebbe sputato sulla telecamera di un videoperatore che stava riprendendo il suo show.

Nei giorni scorsi, il cantante statunitense è stato anche denunciato dalla sua ex assistente. Manson avrebbe esercitato violenza e praticato abusi nei confronti della sua ex dipendente Ashley Walters. Quest'ultima notizia ora non fa che complicare le sorti del "Reverendo", che già negli ultimi mesi ha avuto serie ripercussioni nella sua carriera di attore e musicista.

Mandato d'arresto per Marilyn Manson

La polizia del New Hampshire ha emesso un mandato di arresto per Brian Warner, alias Marilyn Manson. La rockstar è accusata di "assalto di 1°grado". Secondo quanto riporta Tmz, l'episodio si sarebbe verificato due anni fa durante il concerto al Bank of New Hampshire Pavilion.

In quest'occasione, il cantante avrebbe letteralmente sputato ad un cameraman che stava lavorando durante il live.

Nei video del concerto, pubblicati già dal magazine Tmz, lo si vede sputare diritto nella telecamera. Ma nel fare questo avrebbe colpito anche l'operatore. Quest'ultimo non ignorò la vicenda e decise di denunciare il tutto.

Per questo tipo di reato, il popolare artista rischierebbe addirittura la reclusione. In caso di colpevolezza, infatti, ciò potrebbe costargli addirittura una multa salata di 4000 dollari e ben due anni di carcere.

Il comunicato della polizia

Con un comunicato diffuso anche sui social network, la polizia di Gilford, città del New Hampshire, fa sapere che Marilyn Manson è accusato di due reati minori: "Warner, insieme al suo agente e al suo avvocato, da tempo è a conoscenza del mandato di cattura che pende su lui", si legge nel testo.

Allo stesso tempo, come riporta il comunicato, "non ha fatto nessuno sforzo per tornare nel New Hampshire rispondendo delle accuse".