Suor Lucia Caram, religiosa argentina attiva a Barcellona in Spagna, ha recentemente urtato la sensibilità dei cattolici, rispondendo con schiettezza, e forse con improvvida sincerità, ad una domanda del conduttore televisivo che l'aveva ospitata. La suora, molto conosciuta e apprezzata in Spagna, rispondendo alla domanda se la Madonna potesse aver mai fatto sesso con Giuseppe, ha risposto candidamente che è normale che sia avvenuto. Ovviamente la frase, banale e innocente di per sé, non poteva non generare una reazione, perlomeno non garbata visto la delicatezza del caso. Successivamente la suora è corsa ai ripari, chiedendo scusa per la leggerezza, ma la polemica al momento tende a non scemare.

La suora, prescindere dalle frasi contestate, ha comunque ritenuto necessario ribadire un concetto forse nuovo e controcorrente nel panorama del mondo religioso delle suore. Lucia Caram ha voluto polemicamente mettere in discussione il pregiudizio storico che la la cristianità di stampo cattolico ha nei riguardi del sesso, ridando per così dire, una nuova veste e dignità ad un'aspetto più che naturale della vita umana.

Nella trasmissione incriminata suor Lucia, nell'esporre il suo pensiero nuovo nella sessualità nel mondo cattolico però, si è spinta a mettere in discussione uno dei dogmi fondamentali della cristianità di stampo cattolica, ovvero la verginità della madre di Cristo. Lecito per un religioso avere dei dubbi, ma sull'ambito del dogma con molta probabilità le gerarchie cattoliche non gradiscono ingerenze, seppur in buona fede, e messe in discussione dei principi base della fede cattolica.

I migliori video del giorno

Suor Lucia. ad oggi, sconfortata dalla violenta reazione subita, si è limitata a rifiutarsi di continuare la polemica, nonostante, come lei stessa ha dichiarato, sia stata minacciata di morte da anonimi per via della sua rivoluzionaria visione di fede. In tutto questo il Vaticano non proferisce parola, cosa che con l'era social dell'informazione, dovrebbe scemare l'accaduto, cosa non certa visto che la suora, nel bene e nel male, ha comunque aperto una fessura nella rielaborazione del pensiero cattolico.