Thedarkoverlord, "l'oscuro signore supremo" in italiano: è questo il nickname dell'Hacker che stanotte, mezzanotte ora italiana, ha caricato su un noto sito di contenuti piratati 10 puntate (su 13) della nuova stagione di Orange is the new Black.

La stagione, ancora inedita, doveva essere pubblicata inizialmente sulla piattaforma streaming il 9 giugno, ma ora Netflix [VIDEO] punterà probabilmente alla pubblicazione anticipata. Ma cosa è successo esattamente?

Soldi o lo diffondiamo in Rete

La quinta stagione di una delle serie di punta di Netflix è stata trafugata dallo studio di postproduzione Larson Studios alla fine del 2016, tramite un violentissimo attacco hacker.

Da una prima analisi pare che insieme a OITNB siano stati rubati altri contenuti televisivi di successo prodotti da reti come Fox, Abc, Cbs e addirittura National Geographic.

L'hacker, o più verosimilmente il gruppo di hacker, ha chiesto quindi un riscatto al portale di contenuti streaming, minacciando la pubblicazione dell'intera stagione su siti di materiale pirata, rendendo quindi gratuita e con un anticipo di più di un mese la fruizione della stessa. Netflix ha rifiutato e nel giro di qualche ora la serie era disponibile online in un file compresso di circa 12 Gigabytes.

Online molti utenti si sono già espressi contro l'attacco hacker, dichiarando che la qualità di un prodotto del genere non può essere intaccata da un download pirata e che quindi aspetteranno la pubblicazione ufficiale per usufruire del contenuto.

I migliori video del giorno

Certo è che per ora sia Netflix che la serie stessa stanno godendo di un'ottima ondata di pubblicità inaspettata.

La serie cult alla quinta stagione

Orange is The New Black narra le vicende di Piper Chapman, newyorkese benestante che si trova coinvolta in un traffico di droga e che deve scontare la sua pena nel penitenziario femminile di Litchfield. Gli episodi raccontano le vicende delle detenute tra intrighi, giochi di potere e lotte per la sopravvivenza sociale.

La serie è stata ideata da Jenji Kohan, già autrice di Weed, ed è ispirata agli scritti autobiografici di Piper Kerman Orange Is the New Black: My Year in a Women's Prison.

Fin da subito la serie ha affascinato critica e pubblico riuscendo a vincere un Emmy Award per la miglior attrice non protagonista, Uzo Aduba.