Napoli non è solo fiamme. In programma tra luglio e ottobre ci sono una serie di visite notturne interessanti da tener presente. Ercolano e Pompei si aprono ai loro visitatori di sera: ci si troverà immersi in uno scenario ricco di fascino e di suggestioni. Il progetto è promosso dal Ministero dei Beni Culturali e del Turismo con la partecipazione della Soprintendenza Pompei.

Ercolano

Ercolano, l'affascinante cittadina ricoperta dalla coltre di fango e da materiali piroclastici nel 79 d.c, è visitabile dal 7 maggio fino all' 1 ottobre al costo di 2 euro.

La visita proietterà il suo pubblico tra i tesori della città dalle ore 20 sino alle 23, con ultimo ingresso intorno alle 22. I visitatori saranno guidati dal gruppo archeologico vesuviano che li condurranno verso il Padiglione della Barca, laddove si trova la barca ritrovata sulla spiaggia antica di Ercolano.

Si giungerà poi verso l'area delle Fornici, luogo in cui trovarono riparo circa 300 anime e qui si avrà modo di ammirare l'antica costa. Il percorso finirà sulla terrazza di Nonio Balbo, dove un tempo si poteva godere della vista del mare. A partire dal 7 luglio sino al 6 ottobre sarà possibile visitare, inoltre, sempre al prezzo di 2 euro, il Mav, Museo Archeologico Vesuviano di Ercolano.

Pompei

Pompei, l'antica città sommersa da una pioggia di cenere e lapilli in quell'anno funesto dell'eruzione del vesuvio, è visitabile dall' 8 luglio fino al 24 agosto, al prezzo di 11 euro. L'ingresso sarà accessibile a partire dalle ore 21. Il pubblico sarà accompagnato in un percorso ricco di attrattiva e di fascino, con le sue luci, i suoi suoni e le voci che mirano a riprodurre verosimilmente scene di vita quotidiana di un'altra età, ormai perduta e lontana.

La particolarità di questa visita notturna è il nuovo impianto illuministico, che renderà il tutto più suggestivo. Si potrà ammirare anche l'Antiquarium, edificio dell'800 che ha vissuto vicende burrascose, e che ora dopo 36 anni viene nuovamente riaperto al pubblico. Questo percorso serale è inserito all'interno del progetto "Campania by night. Archeologia sotto le stelle", e vede la collaborazione della Regione Campania, per lo stanziamento dei fondi, e della Scabec, Società Campania Beni Culturali.

Per maggior informazioni, è possibile collegarsi al sito del ministero dei beni e delle attività culturali e a quello di Campania by Night.

Pompeii Theatrum Mundi: l'antico in scena

Questo progetto va di pari passo con quello promosso dal Teatro Stabile di Napoli /Teatro Nazionale e la Soprintendenza di Pompei, che mettono in scena, presso il Teatro Grande Pompeiano, una serie di opere che attengono alla drammaturgia classica: l'Orestea di Eschilo, Il Promoteo di Eschilo, Antigone di Jean Anouilh, le Baccanti di Euripide, Fedra di Seneca. La rassegna della drammaturgia antica è partita il 22 giugno e si conclude il 23 luglio. Consultare il sito del Teatro Stabile di Napoli per maggiori approfondimenti.