Lo scorso 23 gennaio, in una cerimonia trasmessa su YouTube, sono stati finalmente annunciati tutti i candidati al premio Oscar del 2018. Le candidature non hanno riservato particolari sorprese, confermando in pieno quelli che erano i pronostici espressi in precedenza. Il grande escluso di quest'anno è stato James Franco, vincitore del Golden Globe per il suo Tommy Wiseau in The Disaster Artist, ma coinvolto nello scandalo delle molestie che in questi mesi ha travolto Hollywood.

Al netto dell'assenza di Franco, diversi sono i candidati che quest'anno meriterebbero la celebre statuetta. Proviamo dunque a ipotizzare i possibili vincitori di questa edizione degli Academy Awards, non solo dal punto di vista degli attori, ma anche da quello dei film.

The Shape of Water, diretto da Guillermo del Toro, ha letteralmente fatto man bassa di nomination. La pellicola si è guadagnata ben 13 candidature, tra le quali quella al miglior film, alla miglior attrice protagonista e al miglior regista. Facile ipotizzare che l'ultimo lavoro del regista messicano possa riscuotere grande successo la notte del 4 marzo. The Shape of Water, secondo gli ultimi pronostici, dovrebbe riuscire a dominare le categorie individuali, eccezion fatta per i premi agli attori, categoria nella quale vi sono alcuni interpreti più accreditati.

Da Dunkirk a Call me by your name

Un altro film accreditato per la vittoria di diversi premi è Dunkirk, diretto da Christopher Nolan. In questo caso, visti gli importanti mezzi tecnici messi in gioco per la produzione del film, potremmo ipotizzare che la pellicola diretta da Nolan possa aggiudicarsi premi come quello al miglior montaggio sonoro o alla migliore scenografia.

Tuttavia non escludiamo che l'Academy decida di premiare il film con l'Oscar alla miglior regia, visto lo straordinario lavoro svolto da Nolan nelle inquadrature e nell'attenzione al dettaglio.

Dalla sanguinaria battaglia di Dunkirk agli intrecci amorosi di Call me by Your Name. La pellicola, diretta dal regista siciliano Luca Guadagnino, è stata la sorpresa positiva di questa edizione degli Oscar. Con 4 nomination ricevute, Call me by your name potrebbe essere l'outsider che non ti aspetti, in grado di superare altri candidati più accreditati. Realisticamente il film di Guadagnino potrebbe aggiudicarsi la statuetta alla miglior sceneggiatura non originale, salvo veri colpi di scena nella sezione relativa al miglior film.

Infine, la corsa ai premi "tecnici" potrebbe vedere in Blade Runner 2049 un valido contendente. Il seguito del famigerato Blade Runner di Ridley Scott ha ricevuto cinque candidature, tra le quali quella alla miglior fotografia, miglior scenografia e migliori effetti speciali.

Con ogni probabilità il film diretto Denis Villenueve potrebbe aggiudicarsi il premio alla miglior fotografia.

Difficile ipotizzare chi si aggiudicherà il premio al miglior film. Con Il caso Spotlight Hollywood ha dimostrato di apprezzare i film improntati all'inchiesta giornalistica. In questo senso, The Post potrebbe partire con i galloni di favorito. Tuttavia, in questo caso, The Shape of Water potrebbe risultare vincitore, anche se non andrebbero sottovalutati Lady Bird e Il Filo Nascosto, con la possibile sorpresa di Scappa - Get Out, pellicola thriller-horror che si è aggiudicata ben 4 nomination.

Dai film agli attori: chi si aggiudicherà i premi personali?

Dopo aver discusso dei film, è il momento di avventurarsi nei premi riservati agli interpreti. Quest'anno risulta davvero complesso comprendere chi sarà in grado di sbaragliare la concorrenza e portarsi a casa l'Oscar nelle categorie più attese. Partiamo dall'Oscar alla miglior attrice non protagonista, categoria nella quale regna la totale incertezza. Se dovessimo ipotizzare un nome, potremmo pensare a Octavia Spencer, per la sua grande interpretazione in The Shape of Water. In alternativa, degna di nota è anche la recitazione di Laurie MetCalf in LadyBird.

L'incertezza regna sovrana anche nella sezione del miglior attore non protagonista. In questo caso, i candidati più accreditati potrebbero essere Woody Harrelson per la sua interpretazione in Tre Manifesti a Ebbing, Missouri e Christopher Plummer, per Tutti i Soldi del Mondo. Da non escludere neanche Richard Jenkins, per l'ottimo lavoro in The Shape of Water.

Veniamo alle categorie più attese. Il premio Oscar alla miglior attrice protagonista annovera tra le candidate nomi altisonanti come quello di Meryl Streep (The Post), Margot Robbie (I,Tonya) e Frances McDormand (Tre Manifesti a Ebbing, Missouri). Queste tre attrici sarebbero le candidate principali ad aggiudicarsi la statuetta. Tuttavia Sally Hawkins (The Shape of Water) e Saoirse Ronan (Lady Bird), che a soli 23 anni è già alla terza candidatura per un premio Oscar, potrebbero avere la meglio sulla concorrenza più accreditata. Insomma, una categoria che si preannuncia molto competitiva, nella quale il risultato è ancora piuttosto incerto.

La vittoria dell'Oscar al miglior attore protagonista, invece, pare essere un affare a due. Daniel Day-Lewis (Il filo nascosto) e Gary Oldman (L'ora più buia) dovrebbero contendersi la statuetta, con il primo leggermente favorito sul secondo, soprattutto alla luce dell'annunciato ritiro dalle scene cinematografiche. Una possibile, ma improbabile, sorpresa potrebbe essere Daniel Kaluuya, protagonista di Scappa- Get Out.

Saranno questi i vincitori? Le attese verranno rispettate, o ci saranno delle sorprese? L'appuntamento è al 4 marzo, quando tutti i dubbi verranno finalmente fugati.