2

Fuori dagli schemi, lontano da convenzioni e conformismo, ma soprattutto baciato da un talento ed un carisma formidabili. Questo è Mike Patton, salito alla ribalta per la sua voce "istericamente" rock che ha fatto volare i Faith No More sulle ali del crossover tra rap e metal. Si tratta di un sound che ha creato alcuni classici del rock moderno come Epic, Diggin' the Grave ed una versione popolarissima di Easy dei Commodores. Tanto per dissimulare qualsiasi forma di dubbio la musica dei Faith no More nel pieno della potenza creativa suonava più o meno così...

Amata Emilia

I tempi del rock [VIDEO] sono lontani, ma il carisma di un personaggio straordinario rimane intatto così come il suo legame fortissimo con l'Italia e l'Emilia Romagna in particolare, visto che Bologna è stata una delle sue case per un periodo importante della sua vita.

Non stupisce, dunque, la sua presenza nella "sua" Regione, in quel di modena, dove il 25 e 26 maggio si esibirà in concerto insieme al pianista Uri Caine al teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena. Questo doppio evento è racchiuso nel contesto di una collaborazione tra AngelicA (Bologna) e "L'altro suono" (Modena), due festival musicali che produrranno un muro sonoro di altissima qualità con artisti di grande talento quali il compositore jazz Anthony Braxton ed il cantautore veronese Massimo Bubola, una delle chiavi importanti di alcuni dischi di Fabrizio De André nonché autore di canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana come "Il Cielo d'Irlanda" portata al successo da Fiorella Mannoia.

Forgotten Songs

Lo show sarà un concentrato delle qualità dei due protagonisti con la ricerca e la rielaborazione di canzoni dimenticate in cui, con ogni probabilità, la cornice avrà riflessi jazz.

Mike Patton non è nuovo a questo tipo di progetti sperimentali come la sua proposta di circa dieci anni fa di "Mondo cane" con un viaggio nella storia e nella musica italiana di oltre mezzo secolo. Mike Patton è garanzia di estro ed imprevedibilità. L'altro grande protagonista è il compositore di Philadelphia, Uri Caine, che trova la sua comfort zone su un'ampia sezione musicale racchiusa tra classica di cui sono note sue rivisitazioni ed il jazz. L'Emilia Romagna con i suoi contrasti, ruvida ed affabile, diventa il fulcro dell'evento con le due associazioni che legano il territorio alle persone che lo abitano e questa ricerca musicale rende l'evento ancora più appetibile per i palati più fini e sofisticati [VIDEO].