I mercati valutari e delle materie prime non credono proprio al discorso rassicurante delle autorità cinesi.

Il crollo dei mercati azionari in Cina anima il timore che questa fragilità racchiuda un vero problema nella sala macchine della seconda più grande potenza economia del mondo, con le implicazioni che questo potrebbe avere per il resto del mondo e con il probabile aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti a cavallo dell'estate hanno portato Martedì le principali valute dei paesi emergenti ai minimi dagli ultimi decenni.

Il tasso di cambio tra il Real brasiliano e il dollaro USA ha posto la negoziazione al livello più basso degli ultimi 13 anni; il peso colombiano ha battuto livelli minimi di oltre 12 anni e il rand sudafricano, la rupia indiana e il peso messicano sono ai minimi storici.

Nonostante la forte protezione della Banca centrale in Russia (alleata della Cina), che aveva lavorato per cercare di fermare l'emorragia della sua moneta con ripetute diminuzioni dei tassi, il rublo si è trovato negli ultimi giorni in prossimità dei minimi della fine del 2014, durante il pieno della crisi ucraina.

Il motivo principale alla base di questi cali è la caduta dei prezzi delle materie prime, che hanno esteso la loro tendenza al ribasso avuto inizio più di un anno fa.

Dopo il crollo dei principali indici cinesi, il Dow Jones-AIG Commodity Index, che riflette l'evoluzione di 22 materie prime rappresentative, tra cui: oro, gas naturale, petrolio, mais, rame, soia, argento e canna zucchero. E’ sprofondato oltre il minimo registrato durante gli ultimi 24 anni, cadendo indietro, quasi al livello segnato, nel gennaio del 1991.

Il calo è particolarmente evidente nel caso del petrolio: Brent, il benchmark in Europa, è sceso martedì di 53 $ al barile, segnando i minimi dall'inizio di quest'anno.

Nicholas J. Johnson, Vice President e Chief della società di investimento statunitense Pimco, ha attribuito il calo delle valute e delle materie prime a una combinazione di fattori: la preoccupazione per la domanda cinese “debole", "accresciuta dai recenti arresti del mercato azionario "; il dollaro forte e il quasi certo aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Segui la nostra pagina Facebook!