Bonus per le famiglie numerose: al viala misura del governo che prevede l’assegnazione, ainuclei familiari con un minimo di quattro figli, del bonus di 500 euro. È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 12febbraio 2016 ilDPCM (Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri) 24dicembre 2015che contiene al suo interno, tutte le modalità di erogazione e i requisiti richiesti per ottenere l’assegno per le famiglie numerose, i suoi importi e chi ne potrà beneficiare.

Bonus famiglia 2016: beneficiari e modalità di erogazione

Ilbonus famiglia 2016per famiglie numerose consiste nell’erogazione, da parte dell’Inps, di un assegno pari a500 euro per tutte quelle famiglie nelle quali ilnumero di figli minori è uguale o superiore a quattro.

Per poter usufruire del bonus, oltre al numero dei figli, è anche indispensabile che la situazione economica, documentata attraverso la presentazione del modello ISEE, non risulti superiore a 8.500euro l’anno.Il beneficio del bonus di 500 euro, rivolto alle famiglie numerose, è stato stabilito dal DPCM. (Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri) del 24 dicembre 2015 e pubblicato venerdì 12 febbraio sulla Gazzetta Ufficiale.

Per ottenere l’assegno, non è richiesta la presentazione di un’altra domanda, infatti farà fede quella già presentata precedentemente per la concessione dell'assegno per i tre figli minori. Il nuovo bonus per il quarto figlioverrà erogato in un’unica soluzione edirettamente dall'INPS già al momento del riconoscimento dell'erogazione per i tre figli minori.

Verrà infatti effettuata, da parte dell'ente preposto, la verifica annuale da cui si evincerà il valore ISEE non superiore a 8.500 euro ed il nucleo familiare aggiornato con i quattro figli di età inferiore ai 18 anni.Nel caso in cui la nascita del quarto figlio, nel nucleo familiare, non sia avvenuta entro il 2015, ma dopo la domanda per l’assegnazione del bonus per i tre figli minori, il richiedente dovrà avere aggiornato la sua DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica)per poter usufruire del beneficio.

Se inoltre, la presenza nel nucleo familiare del quarto figlio minorenne, non sia mantenuta per tutto l'anno, il sostegno dell’assegno da parte dell’INPS, sarà erogato in relazione al numero dei mesi per i quali il requisito risulti idoneo, tenendo presente che la porzione di mese sarà conteggiata comunqueinteramente.