Nella riunione del vertice della Federal Reserve del 14 dicembre 2016, nella quale è stato annuncio il rialzo dei tassi di interesse di 25 punti base, i partecipanti hanno preso atto che la politica monetaria potrebbe dover subire degli aggiustamenti in funzione delle scelte del nuovo presidente degli Stati Uniti.

La Federal Reserve ha pubblicato i verbali della riunione durante la quale i suoi membri hanno parlato di "incertezze notevoli" legate alle politiche fiscali espansive promesse da Donald Trump. Se il presidente eletto dovesse mantenere gli impegni presi con l'elettorato, procedendo quindi sulla via dell'espansione economica attraverso l'aumento della spesa pubblica, la traiettoria del rialzo dei tassi potrebbe modificarsi e il prossimo incremento del costo del denaro potrebbe essere anticipato.

L'impatto sui mercati

È ancora troppo presto per giudicare l'impatto delle iniziative di Trump, ma c'è chi, come Morgan Stanley, sostiene che è ora di vendere in vista del giuramento del successore di Barack Obama in calendario il 20 gennaio prossimo. Stando ai future sui Fed Funds, usati per scommettere sulle mosse della banca centrale, c'è solo il 4% di probabilità di un aumento del costo del denaro nella prossima riunione del 31 gennaio. Le possibilità che entro giugno vi sia un rialzo dei tassi invece sono al 69%.

Segnali di ripresa dell'inflazione stanno dando agli investitori una rinnovata fiducia alimentando le aspettative di una ripresa dei prezzi dettata dalle politiche espansive del 45esimo presidente Usa, ma oggi le Borse europee hanno aperto sottotono. Piazza Affari è partita piatta, infatti, l'indice Ftse Mib segna -0,1%.

I migliori video del giorno

Le variazioni di prezzo sui titoli sono modeste, Fiat Chrysler guadagna l'1%, StMicroelectronics e Ferragamo perdono rispettivamente lo 0,4% e lo 0,5%.Il petrolio tipo Brent è in calo dello 0,2% a 56,4 dollari il barile, ieri aveva chiuso in rialzo dell'1,7%. I dati preliminari segnalano una drastica caduta delle scorte di greggio negli Stati Uniti, di conseguenza Eni perde lo 0,3%.