Il meccanismo di gestione dei pagamenti elettronici pagopa è stato ideato per le transazioni nei confronti della PA, in cui il cittadino è maggiormente tutelato. I versamenti di cui parliamo sono quelli nei confronti di scuole, università e Asl. Inoltre, PagoPa è utilizzato da tutti quegli organismi, come banche o poste, che somministrano servizi ai cittadini.

Le novità di PagoPa

Da oggi con PagoPa sarà finalmente possibile pagare con il metodo digitale, cioè via web, i bolli auto [VIDEO] e i contributi da corrispondere all'Inps per le colf.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Politica

Poi sarà il turno delle contravvenzioni extra urbane. Per ora già utilizza il sistema PagoPa il Comune di Palermo, per giugno si dovrebbero accodare anche Milano e Roma.

Il programma PagoPa, a detta degli esperti, si conferma il più adatto a migliorare il rapporto tra i cittadini e la pubblica amministrazione.

E' indubbiamente vantaggioso avere una maggiore comodità nei pagamenti che in seguito si trasformerà anche in un risparmio sui costi di commissione. Con PagoPa si ha la possibilità di pagare come un classico sito e-commerce, accetta PayPal e SatisPay e, naturalmente, la carta di credito. Il vantaggio per la Pubblica Amministrazione, invece, consiste nell'ottenere i soldi velocemente.

La burocrazia a portata di click

Ad oggi l'ACI ha affidato a PagoPA la riscossione telematica dei bolli auto Bollonet; stessa cosa vale per l’Inps. Entro quest'anno la PS affiderà le contravvezioni extra-cittadine a PagoPA, mentre per le multe urbane la decisione è rilasciata alla discrezionalità dei singoli comuni. Attualmente si contano ben 12mila Pubbliche Amministrazioni che hanno aderito al progetto. Giuseppe Virgone, direttore dei pagamenti del team digitale, ha spiegato come PagoPA renda trasparenti gli oneri per le commissione dei pagamenti in forma digitale, in questo modo è possibile scegliere quelli meno costosi.

Non dimentichiamoci, poi, del programma “Cittadinanza digitale” con cui ciascun cittadino potrà prendere visione della propria situazione con le PA e avere le notifiche, anche tramite smartphone, quando ci sono variazioni. E' un sistema simile a molte delle applicazioni che usiamo ogni giorno. Purtroppo per questo progetto bisognerà aspettare ancora un po', sembrerebbe che non sarà usufruibile prima del 2019. Anche se il Team Digitale dovrà velocizzare il proprio lavoro visto che ha un mandato con scadenza "dicembre 2018", staremo a vedere se riusciranno a semplificare e migliorare il rapporto dei cittadini dei comuni italiani con la burocrazia.