Secondo le parole del ministro Antoni Macierewicz, sarebbero state tre le persona a sopravvivere la catastrofe di Smolensk di 6 anni fa, nella quale morì il presidente Lech Kaczynski. I documenti parlano chiaramente, perfino alcuni medici arrivati con i soccorsi hanno testimoniato di aver visto trasportare all'ospedale le tre persone in vita. La Procura non solo non ha indagato su questi fatti, ma perfino non ha verificato le fonti.

Il ministro denuncia gli investigatori

Un'indagine fasulla, condotta fino ad ora, senza voglia di scoprire le vere cause del disastro - sono parole del ministro. Le accuse sono molto gravi - alla catastrofe avrebbero potuto sopravvivere diverse persone - e se fossero sopravvissute realmente, per quale motivo non sono state fatte le indagini sulla loro sorte? Un altro fatto, molto importante, e stata la distruzione di circa 200 documenti dei servizi segreti pervenuti al governo nel giorno della sciagura.

Il ministro informa la Procura di presunto reato di inadempimento, di rifiuto, e di omissione d'atti d'ufficio.

Il filmato di "Kola" esaminato dalla Procura

Un documento molto inquietante, un film amatoriale, eseguito con la telecamera di un telefonino, e pubblicato in internet da un testimone diretto, di nome russo "Kola". Nelle ultime sequenze si sentono, molto chiaramente, diversi spari. La procura polacca ha esaminato il filmato - è autentico, e  gli spari provengono da un determinato tipo di pistola di produzione russa, KBKS.

Il video dell'ingegnere danese Glenn Jorgensen smonta la versione dell'incidente

Alla Commissione di indagine presso Il Ministero della Difesa, intanto, è stato presentato un altro video, frutto di ricerche di un ingegnere danese. Il filmato mostra la foto di uno steccato, e di un baracca in fondo, con l'immagine dell'aereo sovrapposta.

I migliori video del giorno

Secondo la precedente versione, l'aereo sorvolo il recinto a soli 5 metri di altezza. Jorgensen l'ha chiamato "recinto blindato". Poi seguono le prove della forza di tiro dei motori aerei.

Alla Commissione di indagine, il Governo, ha ingaggiato i migliori esperti di aeronautica di fama internazionale, invece, i precedenti procuratori sono stati allontanati dalle indagini. Ai membri della precedente Commissione è stato negata la possibilità di poter rilasciare alcuna dichiarazione a nome dell'attuale governo - e il sito web è stato disattivato. I mezzi pubblici di comunicazione hanno attribuito alla diffusione di informazioni non corrispondenti alla realtà, e in conseguenza hanno portato a una confusione ancora maggiore.