Venerdì scorso gli allevatori della Sardegna sono scesi in piazza, a Cagliari, per protestare contro i formaggi "tarocco", spesso prodotti negli Usa, in Cina, o nell'est europeo, e spacciati per italiani, a colpi di "tricolore" e italianismi sulle confezioni, per indurre i clienti a pensare che si tratti di merci italiane. La vecchia storia delle contraffazioni, in alcuni casi consentite dalle normative europee, che hanno messo in ginocchio il vero made in Italy.

Gli allevatori italiani sono in profonda crisi

Sono diversi anni, che parliamo della crisi degli allevatori italiani, settore che in Sardegna è molto importante, e riguarda da vicino numerose famiglie.

Ma negli ultimi mesi, la situazione è ulteriormente precipitata. Nel 2015 c'è stato un vero e proprio boom delle importazioni, che sono aumentate del 181%, per un totale di 2,9 milioni di chili di merci, che sottraggono mercato al Made in Italy.

Coldiretti: "Pecorino italiano sotto attacco"

Non usa mezzi termini, per descrivere la situazione. La Coldiretti, che in uno studio ha rilevato come ormai, più di 3 forme di formaggio di pecora su 4, provengano dall'estero, in particolare dall'est europeo, in primis Romania e Repubblica Ceca. La situazione è peggiorata da quando i paesi dell'ex blocco sovietico sono entrati o si sono avvicinati all'Unione Europea.

Le regole per le importazioni

Secondo gli allevatori, che chiedono nuove regole per le importazioni, l'Unione Europea avrebbe lasciato campo libero ai prodotti contraffatti, mentre non si sarebbe impegnata adeguatamente per proteggere le produzioni tipiche italiane, nonostante le etichettature

Boom in Usa di formaggio tarocco

Gli Stati Uniti sono sempre stati tra i principali importatori delle prelibatezze culinarie del Bel Paese.

I migliori video del giorno

Ma anche li, il mercato delle imitazioni ha preso il largo, sottraendo mercato alle importazioni dei prodotti originali. Secondo Coldiretti, negli Usa ben sette pecorini su dieci sono tarocchi. Si parla di un mercato di poco meno di 25 milioni di chili all'anno, che negli ultimi lustri è cresciuto in modo esponenziale.