Dopotante peripezie, rivolte, proteste e dopo cinque anni di attesa nel mondo dellaScuola finalmente si intravede un spiraglio di cambiamento e speranza pergli insegnanti costretti a vivere una situazione di precarietà lavorativa.Stamani, infatti, dal Lussemburgo è arrivata una sentenza della Corte diGiustizia Europea che condanna l’Italia alla violazione delle direttivecomunitarie poiché non rispetta i dipendenti scolastici non di ruolo, icosiddetti docenti precari che hanno più di tre anni di insegnamento, e abusadei contratti a termine. Ci si riferisce, in particolare, ai posti stabili edisponibili.

Nonostante la disponibilità di vere e proprie cattedre, lo Statoitaliano, anziché assumere docenti in pianta stabile con contratti a tempoindeterminato, ha preferito, per ragioni economiche, ricorrere ai contratti atempo determinato rinnovandoli di anno in anno.

Finalmente i docenti che hannosvolto per diversi anni attività di supplenza possono richiedere ilrisarcimento dei danni e la relativa stabilizzazione, rivolgendosi al tribunaledel lavoro per chiedere l’applicazione della sentenza. La regola si applica neicasi in cui le supplenze prestate superano i 36 mesi. Sono previsti risarcimentidi due miliardi di euro per 250mila precari e scatti di anzianità maturati trail 2002 e il 2012 dopo il primo biennio di servizio e le mensilità estive suposto vacante.

Dopo la lettura della sentenza dei giudici fatta questa mattinaa Lussemburgo, Marcello Pacifico, presidente Anief (sindacato autonomo che hapromosso il ricorso) e segretario organizzativo Confedir, è intervenuto sullaquestione ponendo l’accento sul fatto che quella di oggi rappresenta una sentenza storica per il nostro paese, poichéfinalmente pone fine alla precarietà nella scuola e in tutto il pubblicoimpiego.

Ha sottolineato, inoltre, come la dignità del lavoro sia un dirittoinalienabile che non può essere messo in discussione per motivieconomico-finanziari. Nel frattempo, a fronte di queste probabili assunzioni,il governo ha deciso di varare un piano straordinario di assunzioni, stanziandole risorse necessarie (un miliardo di euro nel 2015) in legge di stabilità.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!