Nemmeno le festività natalizie hanno attenuato il dibattitosulla Riforma Pensioni 2015: sonotante le news circolate in questigiorni, alcune hanno aperto a novitàparticolarmente significative in tema di pensioneanticipata, Quota 100 e prestito pensionistico. Cosa dobbiamoattenderci per le prossime settimane? Una cosa è certa: il governo Renzi dovrà lavorare sul tema, senza sottrarsi. Il 14gennaio, infatti, la CorteCostituzionale dovrà pronunciarsi sul referendumabrogativo della Legge Fornero proposto dalla Lega Nord.

Da Palazzo Chigi l’interessedovrebbe essere quello di evitare la consultazione popolare che, visto ilmalcontento, vede il fronte dell’abrogazione partire sicuramente favorito.Abolire la Legge Fornero vuol dire cancellare gli aspetti più negativi ma, altempo stesso, anche i risparmi quantificati in circa 80 miliardi di euro.Almeno questo pare essere il ragionamento che proviene dal Palazzo: l’unicastrada, quindi, è quella di un intervento sui temi cruciali.

Novità riformapensioni, news pensione anticipata 2015: Quota 100 e prestito pensionistico

Archiviata la questione dei lavoratori precoci, con la sospensionedelle penalizzazioni previste dalla Legge Fornero fino al 2018, restano dasciogliere alcuni nodi importanti in chiave prepensionamento.

Illuminante,sotto questo punto di vista, pare essere l’intervista a Il Corriere della Sera rilasciata dal consigliere economico diMatteo Renzi, Yoram Gutgeld. Dallesue parole si evince la volontà da parte dell’esecutivo di dare spazio allastrada del prestito pensionistico: ilavoratori vicini alla pensione riceverebbero una somma di circa 600-700 euroal mese che restituirebbero successivamente con un prelievo sull’assegnomensile Inps.

Anche Cesare Damiano, voce critica nel PD, ha accolto con favorela proposta: i prossimi giorni ci diranno di più.

Riforma pensioni,novità prestito pensionistico e Quota 100

Resta sul tavolo, infine, anche l’idea di Damiano in tema diQuota 100: una forma chiara didefinizione dei requisiti che piace a diverse categorie. Sommando gli anni dianzianità e quelli di contributi versati si deve arrivare a 100: raggiunto l’obiettivo,si può presentare la domanda all’INPS per andare in pensione.

Blasting Newscontinuerà a seguire le news in materia pensionistica: per restare aggiornaticliccare il tasto “segui” accanto al nome dell’autore dell’articolo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!