Comincia una nuova fase del ddl Buona Scuola: è stato depositato oggi in commissione Cultura e Istruzione al Senato, dai relatori Francesca Puglisi e Franco Conte, il maxiemendamento che rappresenta la soluzione scelta dal governo per accelerare l'approvazione della riforma della scuola senza far saltare le assunzioni degli insegnanti precari a settembre. Il testo dovrebbe in parte contenere alcune delle modifiche richiesta dalle opposizioni. Resta ancora in forse, ma molto probabile, che il governo ponga la questione di fiducia per evitare sorprese in aula e per fare il più in fretta possibile.

Pubblicità

Secondo la minoranza Pd sarebbe comunque sbagliato chiedere la fiducia sulla riforma della scuola, perché "sarebbe una sconfitta - secondo il parlamentare Roberto Speranza - per il Parlamento".

Scuola, Renzi a Courmayeur: assunzioni solo con ok a riforma, altrimenti solo turnover per 20-25 mila

Ma il premier e segretario dem non indietreggia di un passo nonostante il calo di consensi alle ultime elezioni amministrative venga in parte addossato alle promesse ancora non mantenuta sulla stabilizzazione dei docenti precari.

"Se la riforma andrà avanti - ha ribadito oggi Matteo Renzi a Courmayeur, in Val d'Aosta - ci saranno 100mila nuove assunzioni, un grande investimento sugli insegnanti - ha sottolineato il presidente del consiglio - e una riorganizzazione con l'organico funzionale. Altrimenti - ha ripetuto oggi Renzi in una conferenza stampa a margine dell'inaugurazione della nuova funivia del Monte Bianco - ci sarà il regolare turnover, con 20-25 mila assunzioni".

Riforma scuola e assunzioni precari: riflettori accesi sulla commissione Istruzione di Palazzo Madama

Intanto, gli occhi sono puntanti sulla commissione Cultura e Istruzione del Senato dove è approdato stamane il maxi emendamento al ddl Buona Scuola di Renzi e Giannini.

Pubblicità

Rispetto al testo di Montecitorio, a Palazzo Madama potrebbero rientrare le assunzioni dal 1° di settembre degli insegnanti dichiarati idonei al concorso della scuola del 2012 che originariamente era stata rinviata al 2016. Il bando per il concorso 2016-2019 dovrebbe in questo caso arrivare entro il 1° ottobre di quest'anno; alla selezione pubblica potranno partecipare anche i docenti che hanno svolto più 36 mesi di supplenza.