Lo sciopero degli scrutini indetto dai sindacati come ulteriore e drastica forma di protesta contro il DDL Scuola ha rilevato picchi di adesioni del 90% in moltissimi posti. A riferirlo è Repubblica.it, che riporta dati basati sulle comunicazioni dei sindacati stessi. Ieri sui social network erano circolate voci circa alcune scuole in cui non aveva aderito quasi nessuno, ma i dati sindacali generali sono molto positivi invece.

Le regioni che hanno dato il via allo sciopero degli scrutini sono state Molise, Emilia Romagna, Lombardia e Lazio. Questo significa che in queste quattro regioni, secondo quanto affermano i Cobas, gli scrutini svolti corrispondono solo al 10%.

Sciopero degli scrutini: non è ancora finita

Lo sciopero degli scrutini contro il DDL scuola è stato indetto nei primi 2 giorni utili calendarizzati dai singoli istituti.

Le regioni che hanno aderito, hanno chiuso le lezioni il 6 o l'8 di giugno. Altre tredici regioni vedranno la chiusura delle lezioni tra oggi e domani, per cui è verosimile pensare che lo sciopero possa accavallarsi anche con gli esami di maturità. Molti presidi sono in allarme e indicono riunioni, ma un motivo dello sciopero è proprio il ruolo 'dittatoriale' di cui la riforma li rivestirebbe.

I primi dati dello sciopero degli scrutini

A Roma, il Coordinamento delle scuole secondarie ha comunicato che gli scrutini sono saltati in diversi istituti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Dati simili sono confermati pure a Ferrara. La Flc Cgil conferma punte di adesione tra l'85% e il 90%, con altri istituti che si sono fermati fra il 70% e il 60%. La Sicilia ha visto alcune scuole di Palermo con scrutini completamente bloccati e altri istituti con percentuali di adesioni comprese fra il 50% e il 70%. Ricordiamo che per gli scrutini finali, basta che sia un solo docente del collegio a scioperare per farli saltare.

Ora si resta in attesa dei dati definitivi, che arriveranno a sciopero concluso. Nel frattempo resta la velata minaccia di Renzi circa la possibilità che il DDL scuola possa saltare: niente riforma, niente assunzioni a settembre. Ma gli insegnanti non mollano!

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto