La riforma Scuola 2015 rivoluzionerà completamente il mondo scolastico, tra cui il ruolo che avrà il dirigente scolastico. Ed è proprio questo ruolo ad aver creato forti dissensi da parte dei docenti (penalizzati anche in altre forme), che lo hanno definito il ruolo del 'preside sceriffo'. Ma cosa cambia nel dettaglio? Il dirigente scolastico avrà enormi poteri con la nuova legge, che partono dal suo rapporto con i docenti a quello con gli studenti. Vediamo quali.

I poteri del dirigente scolastico dopo la riforma scuola 2015

POF: il dirigente ha il compito di dare indirizzo al POF triennale entro il mese di ottobre, anche se l'elaborazione spetta poi al Collegio docenti e l'approvazione al Consiglio d'istituto.

Pubblicità

Questo a partire dall'a.s. 2016/17.

Chiamata dei docenti: a dispetto delle proteste, sarà il dirigente a decidere chi assumere nella propria scuola. La scelta si baserà sui curriculum e le auto-candidature presentate. Per la norma della trasparenza, le informazioni saranno pubblicate. Il dirigente non potrà nominare suoi parenti, ma resta il dubbio di come verrà gestito il suo rapporto con eventuali amicizie. È difficile pensare che non sorgeranno ingiustizie al riguardo. Anche questo a partire dall'a.s.

2016/17. 

Valutazione degli insegnanti: insieme al Comitato di valutazione, formato da docenti, genitori e studenti più un membro esterno dell'USR, il dirigente valuterà il merito degli insegnanti e assegnerà i premi in denaro. Questo è un altro dei punti fortemente contestati, sia per la composizione del comitato, sia perché la decisione finale spetta ad una persona sola. Anche qui scatta il problema di amicizie e simpatie.

Collaboratori del preside: la nomina dello 'Staff' del preside spetta proprio a lui.

Pubblicità

Avrà la facoltà di scegliere fino al 10% dei componenti del collegio docenti.

Alternanza scuola-lavoro: il dirigente avrà un ruolo chiave anche in questa novità apportata dalla riforma scuola 2015, ovvero quella delle 400 ore di apprendistato per gli istituti tecnici e delle 200 ore per i licei. Sarà proprio lui a dover stipulare le convenzioni con le aziende e a mantenere i rapporti tra loro e la scuola. Inoltre, dovrà anche occuparsi de fare una valutazione sui risultati della collaborazione.