Tito Boeri, numero dell'Inps, l'Istituto di previdenza più importante in Italia, torna a parlare delle sue proposte, presentate esattamente un mese fa, in un'audizione avvenuta presso la Camera dei Deputati. Cinque punti fondamentali per poter rilanciare il nostro Paese, afflitto da una grave crisi economica, con un tasso di disoccupazione giovanile che ha raggiunto livelli allarmanti (45 percento).

Si lavora in Commissione Lavoro per trovare una valida soluzione

Nonostante ci si appresta alle tanto sospirate ferie estive, si continua a lavorare alacremente in Commissione Lavoro per poter trovare una valida soluzione che porti ad una modifica del sistema previdenziale italiano. Le intenzioni del governo Renzi sono quelle di trovare un sistema flessibile che possa abbassare l'età pensionabile.

Tra le tante proposte, quella relativa al sistema cosiddetto Quota 100, ha riscontrato molti favori da parte di tutte le forze politiche e sindacali, secondo quanto riportato dal sito investireoggi.it. Perché allora non approvare questo sistema flessibile?

Grosso dispendio economico per l'applicazione del sistema Quota 100

La motivazione principale è il grosso dispendio economico previsto per poter procedere all'applicazione di questo sistema, che potrebbe consentire ai lavoratori di lasciare il lavoro una volta raggiunto il valore 100, somma tra età anagrafica e anni di contribuzione.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

I tecnici del Ministero del Tesoro hanno evidenziato che l'applicazione di questo piano di prepensionamento porterebbe ad un dispendio economico molto alto (oltre 10 miliardi di euro) per le esigue casse dello Stato. Soprattutto, dopo la spesa prevista per il rimborso dei pensionati, avvenuta questo mese a seguito della sentenza della Corte Costituzionale. Da ricordare, inoltre, un'ulteriore aggravio finanziario a partire dal prossimo anno, con lo sblocco degli stipendi di tutti i dipendenti statali.

A questo punto, da settembre si dovrà verificare se ci sono le condizioni per attuare uno dei sistemi flessibili proposti negli ultimi mesi e che giacciono in Parlamento, in attesa di essere discussi dalle forze parlamentari e governative. Vedremo se il governo Renzi riuscirà a trovare una soluzione che porti ad una riforma del sistema pensionistico.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto