Fra tanti annunci e altrettanti passi indietro, suggestive promesse e clamorosi dietrofront, il Governo Renzi continua a rassicurare su ipotetici interventi di riforma Pensioni, per rendere più flessibile l'uscita dal lavoro e l'accesso alla pensione anticipata. Le ultime notizie rassicuranti sono arrivate dal ministro del Lavoro. "E' un tema aperto", ha assicurato oggi Poletti, che ha aggiunto, senza però indicare i tempi: "Stiamo lavorando".

Pensioni, Furlan: riforma Fornero va cambiata subito subito

Nel frattempo, aldilà delle rassicurazioni, piovono sull'esecutivo le critiche delle organizzazioni sindacali, dei partiti e dei gruppi parlamentari di opposizione così come di maggioranza. Non solo la minoranza del Pd dei vari Cuperlo, Bersani, D'Alema a "scalpitare" sulla questione previdenziale anche il Nuovo centrodestra di Angelino Alfano.

"La riforma Fornero - ha ribadito oggi la leader della Cisl - va cambiata ora. La flessibilità in uscita - ha aggiunto Annamaria Furlan - non possiamo immaginarla a partire dal 2018". Il segretario generale della Cisl sollecita l'apertura di un "tavolo di confronto" nella speranza di individuare tra le diverse autorevoli proposte di legge in discussione - dalla Quota 100 alla pensione anticipata a 62 anni con 35 anni di contributi e l'8% di penalità fino all'estensione agli uomini dell'opzione contributivo donna ma con età pensionabile a quota 62 - una proposta chiara che venga dal governo".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Pensione anticipata, Damiano: senza flessibilità nuovi poveri

Critiche anche le posizioni della Cgil di Susanna Camusso, che annuncia battaglia contro la decisione di rinviare la questione delle flessibilità in uscita a dopo la discussione della legge di Stabilità magari con un provvedimento ad hoc che consenta nuove modalità di accesso alla pensione anticipata ma senza modificare strutturalmente la legge Fornero che è ancora oggi e fino al 2020 una garanzia per la finanza pubblica italiana.

A pensarla allo stesso modo della parti sociali la minoranza del Partito democratico, già in rotta di collisione col premier sulla riforma costituzionale. "Condividiamo la contrarietà della Cgil - ha evidenziato oggi in una nota il presidente della commissione Lavoro della Camera Cesare Damiano - circa la decisione del Governo di non affrontare il tema della flessibilità delle pensioni nella prossima legge finanziaria o in un provvedimento ad hoc".

Esodati, alla Camera audizione ministri Padoan-Poletti

Intanto, mentre sulla riforma pensioni e i ddl per la flessibilità proseguono le audizioni in commissione a Montecitorio, giovedì prossimo, 24 settembre, è in programma un'audizione del ministro del Lavoro Giuliano Poletti, e del ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan sulla vicenda dei fondi per gli esodati davanti alle commissioni Bilancio e Lavoro di Montecitorio.

L'occasione sarà utile per fare il punto della situazione con le comunicazioni ufficiali del governo sulla questione previdenziale in sede parlamentare. Secondo il sottosegretario all'Economia e leader di Scelta Civica, Enrico Zanetti, non serve una nuova legge pensionistica che modifichi la riforma Fornero "perché metterebbe nuovamente a rischio - ha detto ritenendo positiva la manovra previdenziale che nel 2011 salvò l'Italia dal default in stile Grecia - la tenuta del sistema per i giovani e per chi già oggi è in pensione".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto